Cisl su sindaco di Palermo La Piana, “auguriamo buon lavoro, si avvii una nuova stagione con interventi che rilancino lo sviluppo della città. Fra le priorità le periferie. Ci auguriamo che il primo cittadino appena insediato ci convochi in breve tempo”

361 0

“Al nuovo sindaco di Palermo Roberto Lagalla, auguriamo buon lavoro e ribadiamo come sempre la nostra disponibilità a lavorare insieme, un compito non semplice quello di primo cittadino di questa città, che ha tanti problemi irrisolti nel passato e tante sfide da affrontare per il futuro. Serve dunque sinergia e crediamo fortemente sia l’unica strada per avviare un percorso che sia davvero di svolta. Attendiamo di incontrare il primo cittadino subito dopo l’insediamento”. Ad affermarlo è il segretario generale Cisl Palermo Trapani Leonardo La Piana, augurando buon lavoro al neo eletto sindaco di Palermo Roberto Lagalla. “Auspichiamo che nella scelta della sua squadra, gli assessori della giunta, posso prevalere la competenza perché Palermo è una città difficile e piena di nodi irrisolti e che ci sia un dialogo sereno con i governi regionale e nazionale che riteniamo essenziali”. “Bisogna dare risposte ai giovani in cerca di lavoro avviando un vero sviluppo che parta dalla valorizzazione delle potenzialità di questo territorio; alle famiglie in difficoltà con nuove politiche sociali e soprattutto a chi vive nelle periferie finora abbandonate da una politica distratta, utilizzare al meglio le risorse del PNRR tutto nel segno e nel rispetto della legalità. Serve rilanciare le partecipate perché i cittadini hanno bisogno di servizi efficienti e perché senza questi, una città grande come Palermo non potrà mai cambiare rotta, rispetto al passato; una mobilità smart ed ecosostenibile, una gestione della raccolta rifiuti che davvero liberi dall’emergenza i cittadini costretti a vivere spesso vicino a cumuli di rifiuti”. Sempre sulle partecipate La Piana ha aggiunto “lo abbiamo ribadito nel nostro documento sul rilancio della città. Ci sono tre questioni fondamentali da affrontare subito: il mantenimento pubblico dei servizi erogati; l’adozione di adeguati piani industriali con obiettivi realizzabili e congeniali alla visione della città; la necessità di una graduale armonizzazione dei contratti dei dipendenti senza penalizzare alcun lavoratore”. “C’è poi la sfida del PNRR che bisogna sfruttare per cambiare il volto della città, valorizzare i tanti spettacolari siti culturali, ma creando un sistema di servizi che li renda davvero fruibili ai turisti. E poi fondamentale, bisogna snellire la macchina burocratica che deve sempre più mirare al digitale, rinforzare gli uffici pubblici con personale formato e specializzato nella realizzazione dei progetti esecutivi dei cantieri che devono essere avviati al più presto e valorizzare i dipendenti del Comune, risolvendo tutte quelle questioni sul personale rimaste irrisolte, e quelli delle partecipate”. Il segretario della Cisl Palermo Trapani conclude “sono tutte sfide che richiedono la massima collaborazione fra tutte le parti, sindacati, istituzioni, mondo imprenditoriale, e che devono essere posti come priorità nell’agenda dell’amministrazione comunale, sin da subito. Ed è necessario il lavoro di un consiglio comunale che sia in grado di portate avanti i provvedimenti senza bloccare gli iter fra scontri e tensioni. In gioco c’è il futuro di Palermo, e i lavoratori, i pensionati, i giovani e le famiglie hanno bisogno di risposte che possono giungere solo mettendo in campo il massimo impegno e una grande responsabilità politico-amministrativo. Noi siamo pronti a lavorare insieme”.

Related Post