Viabilità, sindacati degli edili, “comuni isolati a causa di strade fatiscenti. Regione e ministero investano le risorse disponibili”

9 0
Print This Post Print This Post

 

L’entroterra della provincia di Palermo è quasi impossibile da raggiungere. Per andare a Campofelice di Fitalia, Marineo, Mezzojuso, Villafrati, Lercara Friddi, Vicari, Misilmeri e Bolognetta
si percorrono strade ridotte a vere e proprie trazzere. E, a meno di un nuovo stanziamento di risorse, lo scorrimento veloce Palermo – Agrigento rischia di rimanere un’incompiuta. La denuncia arriva da Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil che ieri pomeriggio, insieme ai sindaci del comprensorio, si sono riuniti in un’assemblea svoltasi al centro polifunzionale di Campofelice di Fitalia. “Proprio questo paese a seguito di una frana è collegato alla statale 121 da strade dissestate – hanno affermato Salvatore Puleo (Feneal Uil), Paolo D’Anca e Antonino Cirivello (Filca Cisl) e Francesco Piastra (Fillea Cgil) – e lo stesso copione si ripete per tutti gli altri centri del comprensorio. Eppure le risorse ci sono, basta soltanto che siano investite”. Secondo Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil, utilizzando i fondi previsti dal Patto di Palermo per la viabilità secondaria, si potrebbero realizzare le opere necessarie in questo territorio, per un
importo di 11 milioni di euro. Per rendere funzionali questi interventi, come hanno sottolineato i sindacati, occorre completare i lavori sullo scorrimento veloce Palermo – Agrigento. Oggi l’unico lotto attivato è quello della Bolognetta – Lercara, completato al 60%. Per ultimare l’opera servono quasi 900 milioni di euro, di cui 500 milioni per il tratto da Lercara Friddi ad Agrigento e 386 per il tratto da Palermo a Bolognetta. “Senza queste risorse – hanno detto Puleo, D’Anca, Cirivello e Piastra -quest’infrastruttura resterà una strada verso il nulla,l’ennesima incompiuta”. Da Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil, insieme ai sindaci del comprensorio, è partita la richiesta di un incontro all’assessorato regionale alle Infrastrutture, per fare il punto con l’Anas, col sindaco dell’area metropolitana, Leoluca Orlando e con la Regione, sullo stato degli interventi e sullo stanziamento delle somme necessarie. “Siamo di fronte a un’emergenza – hanno commentato Puleo, D’Anca, Cirivello e Piastra – le istituzioni hanno il dovere di agire con tempestività”.

 

Related Post