Ue: Bonanni “rendere industria più forte e competitiva”

Posted on giugno 30, 2014, 3:46 pm
2 mins

Stampa questa notizia Stampa questa notizia


ROMA (ITALPRESS) – “Il semestre di presidenza italiana dell’ Ue e’ per noi un’ occasione davvero importante, da sfruttare in pieno ed al meglio per avere piu’ visibilita’ e per fare recepire con maggiore facilita’ le nostre opinioni e le nostre esigenze”. Lo afferma in un’intervista sul canale you tube della Cisl, il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, alla vigilia dell’ inizio del semestre italiano di Presidenza dell’UE. “La prima opportunita’ su cui dobbiamo puntare e’ quella di fare valere le ragioni di tutti coloro che vogliono gli Stati Uniti d’Europa, da costruire su fondamenta stabili: istituzioni democratiche elette dai cittadini, con sovranita’ nella politica fiscale, economica, finanziaria – prosegue -; creazione di una Banca Europea e di un mercato del lavoro equo ed inclusivo che superi le attuali frammentazioni e rilanci una visione complessiva delle diverse forme di tutela dell’occupazione; rispetto dell’individuo cui dovra’ essere concessa ogni possibilita’ di inclusione ed integrazione. Poi c’e’ la questione che riguarda la possibilita’ di fare diventare l’Europa un ‘viso amico’ per tutti i cittadini che abitano il vecchio continente, il che si ottiene occupandosi maggiormente di energia, di infrastrutture, di come gestire al meglio il credito. Naturalmente occorre concentrarsi su cio’ che oggi manca all’ Europa: la coesione”. “Inutile negarlo, infatti, l’Europa pur essendo una potenza economica importantissima e’ ancora troppo divisa, ecco perche’ bisogna attivare politiche che uniscano gli sforzi di tutti i paesi che fanno parte dell’UE – sottolinea Bonanni -. Per quello
che riguarda piu’ da vicino il nostro Paese, la prima ‘missione’ che il nostro governo dovra’ compiere e’ fortificare tutti i punti che possano rendere l’industria italiana piu’ potente e competitiva di quella che e’ oggi. Se ci si dara’ da fare per realizzare concretamente questi obiettivi e per avviare reali politiche di cooperazione, di sicuro, questo italiano, sara’ un semestre che mettera’ a frutto importanti risultati”.