Terrorismo, Furlan “vicini al popolo francese”. Oggi la Cisl al sit in di Palermo

Posted on novembre 14, 2015, 10:43 am
2 mins
Stampa questa notizia Stampa questa notizia

 

“La Cisl esprime la propria solidarietà commossa al popolo francese ed alla famiglie delle vittime degli attentanti che hanno colpito stanotte Parigi” . Cosi la Segretaria Generale della Cisl, Annamaria Furlan commenta i fatti di Parigi. “Siamo profondamente turbati e storditi da questa nuova manifestazione di folle violenza terroristica e di odio che non possiamo che condannare con grande fermezza e determinazione. Questo e’ il momento per tutti noi delle lacrime e del cordoglio. Deve essere l’Europa unita a reagire contro il terrorismo, per contrastare il dilagare della violenza in tutte le sue forme. Tutti i lavoratori europei devono essere oggi pronti ed uniti a dare il loro contributo, come e’ avvenuto in altri momenti della storia del nostro continente, per sconfiggere l’odio ed il fanatismo di chi vuole mettere in discussione la pace, la convivenza civile, l’integrazione tra i popoli. Il terrorismo non vincerà”. Oggi pomeriggio a Palermo la Cisl Palermo Trapani insieme a Cgil e Uil, parteciperà al sit in organizzato dalla Consulta delle culture del comune “Per dire No! No al terrorismo. No all’estremismo religioso. No alla guerra. E soprattutto No alla paura!”. Appuntamento alle 16 un sit-in di solidarietà con i cittadini e le cittadine di Parigi davanti il Consolato di Francia, in via P.pe di Belmonte 101 a Palermo.“Siamo vicini al popolo francese e deprechiamo con tutte le nostre forze questo attentato, che ha attaccato la normalità della vita delle persone seminando il terrore – dichiarano i segretari di Cgil Cisl e Uil Enzo Campo, Daniela De Luca e Gianni Borrelli – Siamo colpiti tutti quanti ma l’orrore non ci può e non ci deve fermare. Serve una risposta forte. Scenderemo tutti in piazza questo pomeriggio per manifestare la nostra piena condanna e respingere un attacco di simile ferocia e  violenza che calpesta il diritto alla vita e alla libertà di tutti noi, in solidarietà alle vittime, ai loro familiari e a tutti i cittadini francesi”.