Territorio, Giovani, il rilancio delle città, i temi al centro dell’Esecutivo Cisl Palermo Trapani. La Piana “non c’è Cisl senza il Territorio”

Posted on novembre 27, 2017, 5:05 pm
3 mins
Stampa questa notizia Stampa questa notizia

 

“Abbiamo avviato gli incontri sulla questione del territorio, perché siamo convinti del fatto che non c’è Cisl senza il territorio, l’obiettivo è rafforzare le sinergie fra le nostre sedi, i servizi, le categorie e le associazioni che sono fondamentali per l’organizzazione”. Così il segretario generale Cisl Palermo Trapani Leonardo La Piana ha aperto stamani i lavori dell’esecutivo che si è riunito nella sede di Palermo in via Villa Heloise. “Abbiamo creato il coordinamento dei Giovani della Cisl che lavoreranno su tre tavoli tematici come la Scuola, la Solidarietà, la Cultura, perché vogliamo agire laddove il sindacato viene percepito in modo errato o laddove finora non c’è stato e in tutti quegli ambiti che sono di grande interesse per i nostri giovani e per il loro futuro” ha aggiunto La Piana. Molti gli impegni del sindacato anche sul fronte dello sviluppo dei territori. “Con Cgil e Uil chiederemo un incontro al comune di Palermo per parlare di Zes le zone economiche speciali, delle opere previste dal Patto per Palermo, e dei progetti in campo per il prossimo anno, quando il capoluogo siciliano sarà Capitale italiana della cultura. Noi vogliamo esserci affinché queste occasioni possano essere valorizzate al massimo sia per creare lavoro, sia per dare una spinta allo sviluppo della nostra città”. “Siamo convinti che in questa fase delicata che stiamo vivendo il sindacato debba essere sempre più protagonista con proposte concrete che mirano al rilancio dei nostri territori. Così anche per Trapani spingeremo affinché le tante attese infrastrutture che mancano sul territorio, possano finalmente essere realizzate”. A concludere i lavori, il segretario Cisl Sicilia Mimmo Milazzo. “Sono tanti i nodi che il nuovo governo regionale dovrà affrontare, a partire dall’emergenza del lavoro che non c’è. Ma sul tavolo ci sono anche la questione del personale delle ex province, le difficoltà del settore Rifiuti dove pesa ancora la mancanza di un piano regionale, così come pesa la mancanza di un piano energetico regionale. La Formazione professionale, poi, da riorganizzare secondo le esigenze del mercato del lavoro con le figure professionali necessarie, i fondi europei da utilizzare e per i quali mancano i progetti esecutivi. Da non trascurare poi la questione dei Trasporti finora troppo carenti nell’Isola, dei precari della Pubblica amministrazione e tanto altro”. E sulla Previdenza, annunciando la presenza della segretaria generale Furlan all’assemblea dei quadri di mercoledì al Mondello Palace di Palermo, ha concluso “abbiamo ottenuto norme di civiltà, dobbiamo andare avanti su questa strada”.