Presentata la settimana della cultura tunisina, Cisl “senza cooperazione non c’è futuro”

Posted on aprile 21, 2015, 3:53 pm
4 mins
Stampa questa notizia Stampa questa notizia

 

Scambi culturali, momenti di riflessione, spettacoli, tutto all’insegna dell’integrazione, E’ stata presentata a Palermo a Villa Niscemi la “settimana della cultura tunisina in Sicilia – Da Cartagho a Panormus”, organizzata dal Consolato di Tunisia, in collaborazione con Comune di Palermo e la Cisl Palermo Trapani, che si terrà dal 22 al 30 aprile presso i Cantieri culturali della Zisa. Fra gli organizzatori dunque il sindacato “Siamo profondamente convinti – ha detto Daniela De Luca segretario Cisl Palermo Trapani – che senza solidarietà, integrazione, cooperazione, non possono esserci pace e sviluppo, da qui il nostro impegno per questo momento che sarà un vero incontro fra due popoli che hanno una storica amicizia. Negli anni ’90, si discuteva tanto del ruolo della Sicilia come ponte di integrazione Fra Europa e Mediterraneo, di fatto si è creata solo un Europa economica e basata sulla politica monetaria. Partendo da iniziative come queste, è necessario ricostruire questo ruolo della Sicilia all’insegna della pace e della cooperazione oltre che dell’accoglienza, che sono le chiavi fondamentali per un futuro di pace, noi come sindacato ci crediamo fortemente”. All’incontro con i giornalisti, erano presenti anche il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, il console di Tunisia a Palermo, Farhat Ben Souissi, gli assessori alla Partecipazione e alla Cultura, Giusto Catania e Andrea Cusumano, e il presidente della Consulta delle Culture, Adham Darawsha. “Crediamo molto nell’integrazione – ha detto Orlando – e siamo forti sostenitori di queste iniziativa che hanno alla base il dialogo. Un momento di festa ma anche di forte riflessione dopo i terribili fatti accaduti in questi giorni sul fronte immigrazione. Chiederemo con forza all’Europa l’adozione della carta di Palermo sul diritto alla mobilità degli immigrati, ne parlerò già oggi in videoconferenza con il presidente del parlamento europeo Martin Schulz”. “La settimana tunisina – ha aggiunto il sindaco – sarà un’occasione importante per confermare l’origine fenicia che accomuna la città di Palermo con Cartagine e la Tunisia. Un modo per ribadire, ancora una volta, l’importanza di quel dialogo che fa tanta paura ai terroristi e per esprimere la nostra vicinanza al popolo tunisino per il percorso positivo di libertà, democrazia e riconoscimento dei diritti che ne ha fatto un bersaglio per i criminali integralisti. Sarà infine, l’opportunità di ammirare – ha concluso il primo cittadino -quella straordinaria contaminazione culturale delle diverse comunità che vivono nella nostra città, insieme a quella tunisina, e che saranno presenti in questi nove giorni ai Cantieri culturali della Zisa in un villaggio che, non a caso, abbiamo chiamato ‘Berbero'”.
La manifestazione, che prevede un fitto calendario di appuntamenti, avrà il via oggi con un convegno di apertura che si terrà, presso la sala consiliare di Palazzo delle Aquile, dal titolo “Da Carthago a Panormus, la Tunisia: ponte sul Mediterraneo”. Mentre, alle ore 19.00, ai Cantieri culturali, si terrà l’inaugurazione del Villaggio Berbero, con degustazione di prodotti tipici, sfilata di abiti tradizionali, danze e intrattenimento musicale.
“Palermo e Cartagine – ha detto l’assessore alla Partecipazione Giusto Catania – sono collegate da un’unica matrice, sono città sorelle, figlie dei fenici e rappresentano il centro del Mediterraneo. Questa settimana è un modo per convincere l’Europa a ribaltare il punto di vista, ripartire dal sud e dare anche un’altra idea di immigrazione, partendo dalla Carta di Palermo che, chiediamo, diventi la carta fondamentale delle politiche dell’immigrazione”. Nei nove giorni sono previste mostre fotografiche, letture e presentazioni di libri, proiezioni di filmati e spettacoli. E, inoltre, sempre nell’ambito della manifestazione, venerdì 24 aprile, il primo cittadino conferirà la cittadinanza onoraria ai bambini della scuola tunisina di Palermo.
settimana tunisina programma