“Io ho scelto la vita” il messaggio di Cgil Cisl Uil Palermo. A Trapani con la Cultura, i tre sindacati hanno ribadito il No alla violenza contro le donne

Posted on novembre 26, 2019, 11:35 am
7 mins
Stampa questa notizia Stampa questa notizia

 

Io ho detto no, ho scelto la vita”. Queste le parole su una delle quindici sagome con cui sono state commemorate le donne vittime di violenza. A fare da scenario alla manifestazione organizzata da Cgil Palermo, Cisl Palermo Trapani e Uil Palermo, in occasione della “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”, è stata la sede del Comune di Palermo. All’interno di Palazzo delle Aquile le sagome di cartone per raccontare simbolicamente, con delle frasi, il percorso esistenziale segnato dalla violenza che affrontano molte donne, commemorare le vittime e rilanciare l’impegno sul tema ricordando che il rispetto è sempre alla base di ogni rapporto. “#ognigiorno25, l’hastag che abbiamo lanciato tre anni fa, per ribadire che il nostro impegno contro la violenza sulle donne non si esaurisce in un solo giorno ma va avanti tutto l’anno. Questa giornata è comunque una giusta occasione per fare sintesi, capire quello che si è fatto e che si deve ancora fare. Il sindacato svolge il ruolo di costruttore di reti sociali, per questo chiediamo al Comune di Palermo l’istituzione di un Osservatorio permanente che metta insieme, istituzioni, forze dell’ordine e parti sociali per monitorare e intervenire sul fenomeno”, hanno detto Enza Pisa, Delia Altavilla e Vilma Costa, responsabili dei coordinamenti donne di Cgil, Cisl e Uil. E hanno aggiunto: “La società civile si deve impegnare sia dal punto di vista della formazione sia nell’accompagnamento di queste donne alla denuncia. E poi nel recupero di queste persone sino al reintegro nel mondo del lavoro”. A dare il via alla manifestazione l’attrice Consuelo Lupo, subito dopo le 27 voci della Corale polifonica “San Sebastiano” della Polizia municipale, che hanno interpretato dei brani a partire da la “Vita è bella”, e i saluti dell’assessora Giovanni Marano. A seguire il dirigente della Polizia di Stato, Giovanni Pampillonia, Daniela Randolo, procuratore della Repubblica, Alessia Neve, maresciallo del Comando provinciale dei Carabinieri di Palermo, e Paola Mirto del centro antiviolenza “Lia Pipitone” e Casa rifugio. A spiegare il senso dell’iniziativa, il segretario della Cgil Palermo, Enzo Campo, il segretario della Cisl Palermo Trapani, Leonardo La Piana, e il coordinatore della Uil Palermo, Gianni Borrelli: “Il sindacato ha voluto rilanciare l’impegno contro la violenza sulle donne. Non dobbiamo abbassare mai l’attenzione e spegnere i riflettori. Quest’anno abbiamo scelto Palazzo delle Aquile, sede del Comune, proprio perché vogliamo dire alle donne vittime di violenza che non sono sole, e che contro il fenomeno c’è l’impegno di tanti, dalle istituzioni, alle forze dell’ordine, alle parti sociali. Esistono in città servizi e mezzi che possono aiutarle, devono denunciare e non avere paura. Le 15 sagome di cartone – concludono Campo, La Piana e Borrelli – vogliono ricordare che l’amore non è possesso. Oggi insieme, come sindacato e lavoratori, per discutere insieme non solo sulle possibili soluzioni ma soprattutto sulla prevenzione del fenomeno e per creare una sinergia territoriale. Per questo è necessario, dunque, ripartire dalle scuole per spiegare ai giovani l’importanza della cultura del rispetto”. A Trapani è stata la cultura la protagonista dell’iniziativa organizzata da Cgil Cisl Uil. Cultura, come mezzo per contrastare la violenza di genere. Ed è questo il messaggio che i tre sindacati confederali hanno voluto lanciare ieri in occasione della celebrazione della “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne” con l’evento “Musica e parole per rompere il silenzio”, che si è svolto nella sala “Sodano” di Palazzo D’Alì. Il recital, seguito da un folto pubblico, è stato l’occasione per ricordate le vittime di violenza e per riflettere su ciò che la società può fare per fermare questo fenomeno. All’incontro sono intervenute la segretaria provinciale Cgil Trapani Antonella Granello, la responsabile del coordinamento donne Cisl Palermo Trapani Delia Altavilla e la responsabile Pari opportunità Uil Trapani Antonella Parisi. Presenti i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Trapani Filippo Cutrona, Leonardo La Piana ed Eugenio Tumbarello. “Questa volta – affermano Granello, Altavilla e Parisi – abbiamo voluto affidarci all’arte per inviare il nostro messaggio. La musica è stata usata come tela ideale sulla quale dipingere le nostre riflessioni. Le parole sono molto importanti quando si tratta di fenomeni di violenza. Un uso distorto del linguaggio, infatti, porta a formare il substrato culturale sul quale crescono e si alimentano stereotipi e discriminazioni, nonché gli atti violenti. Il sindacato oggi vuole ricordare le vittime della violenza, di quella violenza che ormai è una vera e proprio epidemia. Cgil, Cisl e Uil vogliono sostenere ogni azione che aiuti le donne non solo a denunciare, ma anche nel post denuncia, permettendo a chi ha un lavoro di conservarlo e a chi non ce l’ha di trovarlo. E’ necessario che il sostegno sia materiale ma anche morale per le vittime e per i familiari di chi dice basta. Anche sul territorio trapanese purtroppo abbiamo avuto tanti casi. Servono più centri anti violenza. Bisogna rompere il silenzio aiutando le donne”. All’evento, presentato dalla giornalista Ornella Fulco, hanno partecipato due delegazioni di studenti degli istituti “Amico” e “Sciascia – Bufalino”. L’interpretazione musicale è stata affidata al pianista Luca Lione, mentre la parte recitata al musicista Vincenzo Marrone D’Alberti, all’attrice Jolanda Piazza e allo scrittore Giacomo Pilati.