Rifiuti, vertenza ex Coinres, Fit Cisl “dopo il ritorno a lavoro degli operai a Ficarazzi e Misilmeri, si pensi ai lavoratori di Villabate”

Posted on giugno 19, 2018, 10:48 am
2 mins
Stampa questa notizia Stampa questa notizia

 

“Mentre un mese e mezzo fa i primi 5 lavoratori dei cosiddetti 180 ex Coinres, ingiustamente licenziati nel 2013, erano tornati in servizio a Ficarazzi, e da sabato altri 21 anche a Misilmeri, l’amministrazione comunale di Villabate guidata da chi, del diritto e del rispetto della legge ha fatto la sua vita professionale, a due anni dall’aggiudicazione della gara in favore della Tech di Siracusa, consente ancora il mancato rispetto della legge sul passaggio dei lavoratori”. Ad affermarlo sono Dionisio Giordano segretario generale aggiunto Fit Cisl Sicilia e Alessandro Miranda Fit Cisl Palermo, intervenendo sulla vertenza degli ex lavoratori Coinres. “Oggi era previsto l’incontro sindacale a Villabate proprio sui 10 lavoratori già individuati dall’atto di interpello del commissario Tubiolo che hanno il diritto di tornare a lavoro. Il tavolo è saltato perché ancora manca la soluzione alla vertenza, noi torniamo a chiedere alla ditta Tech di rispettare la legge e gli atti di gara e al sindaco di dare il suo definitivo e atteso contributo affinché si giunga all’esito positivo di questa vicenda”. “A Ficarazzi – aggiungono Giordano e Miranda – si è agito nel rispetto della legge regionale 9/2010, tutto questo personale infatti era stato inserito nell’atto ricognitivo della dotazione organica della SRR Pa Area Metropolitana, acquisendo cosi il diritto di legge a riprendere servizio. E finalmente dopo anni di attesa prima a Ficarazzi grazie al contributo del sindaco Paolo Martorana, del commissario straordinario regionale Natale Tubiolo e delle ditte Roma Costruzioni e Ciclat e da sabato anche Misilmeri con la disponibilità del sindaco Rosalia Stadarelli e del commissario, altri 21 lavoratori hanno ripreso servizio. Non abbiamo mai abbandonato questa vertenza – concludono – e contro tutto e tutti grazie anche alla capacità propulsiva degli stessi lavoratori e finalmente a una maggior disponibilità di sindaci e commissario di far rispettare leggi e diritto, la legalità torna a far presenza quanto meno nel rispetto di bandi e capitolati di gara, sul tema degli aventi diritto a lavorare. Ci auguriamo questo avvenga presto anche a Villabate”.