Rifiuti, sindacati di Rap su chiusura discarica Bellolampo, “i costi siano attribuiti a chi non ha costruito la settima vasca”

Posted on luglio 25, 2019, 4:44 pm
2 mins
Stampa questa notizia Stampa questa notizia

 

“Durante l’incontro sindacale che si è tenuto nella sede di Rap questa mattina, l’Amministratore Unico Giuseppe Norata ha confermato che da questa notte la sesta vasca esaurirà le volumetrie consentite con la consequenziale chiusura della discarica di Bellolampo”. Cosi le Rsu aziendali di Fit Cisl, Uiltrasporti, Fiadel e Filas esprimono grande preoccupazione sulla vicenda della chiusura della discarica di Bellolampo. “Pertanto, in attesa della realizzazione della settima vasca e così come prescritto da un’ordinanza regionale, i rifiuti prodotti a Palermo dovranno essere conferiti presso le discariche di OIKOS a Motta Sant’Anastasia, Sicula Trasporti a Lentini e Catanzaro Costruzioni a Siculiana con costi esorbitanti di trasporto e di conferimento. Allo stato attuale – spiegano i sindacati di Rap – non risulta essere stato individuato il soggetto che dovrà farsi carico dei circa 20 milioni di euro per i 9 mesi di conferimento, dando per certo che la prima porzione della VII vasca sarà operativa per maggio 2020”. Le Rsu aziendali di Fit Cisl, Uiltrasporti, Fiadel e Filas aggiungono, “resta inteso fin da subito che non potrà essere l’azienda di piazzetta Cairoli a sopportare questo peso economico generato, tra l’altro, da responsabilità che vanno inequivocabilmente ricercate tra le istituzioni deputate a dotare i territori di adeguata impiantistica: la Rap non ha alcuna responsabilità”. E concludono “per tali ragioni, vigileremo sul ritrovato equilibrio finanziario della società, non consentiremo alcun rischio per l’azienda e per i lavoratori ed invitiamo sin da subito tutte le istituzioni coinvolte ad attivarsi immediatamente al fine di garantire l’adeguata copertura del trasferimento dei rifiuti in altre discariche. Decisioni diverse da quelle da noi auspicate, potrebbero portare alla mobilitazione dei lavoratori”.