Rappresentatività. Bonanni: “Con il nuovo accordo rifondate le relazioni industriali”

Posted on gennaio 10, 2014, 6:10 pm
3 mins

Stampa questa notizia Stampa questa notizia

Per il Segretario Generale della Cisl, la firma del regolamento attuativo dell’accordo sulla rappresentatività, raggiunto oggi tra i sindacati confederali e Confindustria, ” è una svolta epocale che cambia decisamente nel nostro paese il volto delle relazioni industriali”

 

10 dicembre 2013 – “E’ una svolta epocale che cambia decisamente nel nostro paese il volto delle relazioni industriali che passano da un sistema antagonistico e conflittuale, ad un sistema partecipato, moderno e ben governato”. E’ quanto sottolinea in una nota il Segretario Generale della Cisl, Raffaele Bonanni sulla firma del regolamento attuativo dell’accordo sulla rappresentatività raggiunto oggi tra i sindacati confederali e Confindustria.
“Si apre ora una stagione che può favorire la buona economia. Dopo l’accordo sulla produttività e la contrattazione aziendale, abbiamo aggiunto oggi un tassello fondamentale per il rispetto degli accordi, con reciproche garanzie sia per il sindacato, sia per le imprese. Abbiamo rifondato le relazioni industriali nel nostro paese, avvicinandoci sempre più al modello occidentale. Questo lo si deve certamente al coraggio e alla costanza di tanti sindacalisti e di tanti imprenditori che ci hanno creduto fino in fondo. Siamo convinti che questo accordo sulla rappresentanza avrà conseguenze positive sugli investimenti e sulla nuova occupazione, perché certamente le regole precedenti non davano certezze alle imprese ed ai lavoratori. Tutto il sindacato e tutto il mondo delle imprese devono concorrere al superamento di tanti altri ritardi per le produzioni italiane, a cominciare dai costi dell’energia, le infrastrutture insufficienti, le tasse troppo alte, le tante pastoie burocratiche per chi vuole investire. Su questi essenziali fattori di sviluppo, le parti sociali devono ora imbastire una battaglia civile per una alleanza forte che possa essere di sostegno a quelle realtà politiche che hanno davvero intenzione di risolvere questi problemi spinosi per l’economia italiana”.
Ed in un comunicato congiunto, Confindustria e Cgil, Cisl, Uil spiegano che “l’accordo costituisce un vero e proprio testo unico in tema di rappresentanza sindacale composto da quattro parti che regolano: la misurazione della rappresentanza sindacale a livello nazionale e aziendale; la titolarità ed efficacia della contrattazione collettiva nazionale ed aziendale; le modalità volte a garantire l’effettiva applicazione degli accordi sottoscritti nel rispetto delle regole concordate. Misurare la rappresentatività degli attori e garantire la piena attuazione degli accordi raggiunti – concludono – determinano maggiore chiarezza e trasparenza nelle relazioni industriali contribuendo a migliorare il quadro di riferimento per tutti coloro che vogliono investire nel nostro Paese”