Pensioni, allarme Cisl “dilaga la povertà, pensionati abbandonati da politica e istituzioni”

Posted on dicembre 12, 2014, 2:07 pm
3 mins
Stampa questa notizia Stampa questa notizia

 

Fra i 387 mila pensionati di Palermo , la pensione media si attesta sui 619 euro, fra gli oltre 95 mila di Trapani, poco meno, 601 euro “una povertà quasi assoluta – che non fa altro che confermare l’emergenza sociale vissuta dai nostri anziani, mentre le istituzioni indifferenti continuano a tagliare servizi socio-sanitari, aumentare le tasse e allo stesso tempo incassare ancora indennità fra le più alte del nostro paese”. A lanciare così l’allarme povertà fra gli anziani di Palermo e Trapani è stato Mimmo Di Matteo, segretario provinciale Fnp Cisl Palermo Trapani, durante la riunione del consiglio direttivo del sindacato dei pensionati che si è svolto al convento dei frati minori di Baida a Palermo. Ai lavori hanno preso parte il segretario Fnp Cisl Sicilia Alfio Giuio, il segretario Cisl Palermo Trapani Daniela De Luca e l’arcivescovo di Monreale monsignor Michele Pennisi . “In questo momento di grande crisi – ha detto Pennisi – è importante che ci sia lo sforzo di tutti, soprattutto dei pubblici poteri nei confronti delle fasce deboli della popolazione, gli anziani e i minori , purtroppo queste categorie sono trascurate dalla politica mentre dovrebbero essere poste al centro dell attenzione. Dobbiamo ricordarci che i pensionati sostengono le famiglie e sono una risorsa, la chiesa apprezza e sostiene il lavoro del sindacato nel rivendicare il rispetto dei diritti di lavoratori e anziani”-. Bisogna dunque fare di piu,, ha aggiunto il sindacato. “Chiediamo da tempo interventi certi che mirino al miglioramento della vita degli anziani – ha affermato Di Matteo – , che molto spesso si ritrovano ad essere una risorsa fondamentale, se non l’unica per le famiglie. Attendiamo ancora la rivalutazione delle pensioni necessaria davanti all’aumento del costo della vita e al crescere dei tributi locali, e i famosi ormai 80 euro promessi ai pensionati dal governo Renzi, mai approvati”. Il sindacato dei pensionati della Cisl sollecita inoltre “la salvaguardia del potere d’acquisto delle pensioni attraverso l’applicazione del meccanismo dell’indice prezzi al consumo armonizzato, già in atto per salari e retribuzioni, e l’estensione della quattordicesima mensilità”. Il segretario Cisl Palermo Trapani Daniela De Luca ha commentato “tutto il sindacato con le sue categorie è impegnato nella tutela di chi vive nell’emergenza, sia sul fonte delle vertenze sia sul fronte della battaglia per le politiche sociali, sollecitiamo tutte le istituzioni a fare di più. Bisogna recuperare risorse tagliando gli sprechi in modo da destinarle alle politiche sociali”.“Le istituzioni locali, regionali e nazionali devono dare risposte certe con interventi sulla previdenza, sul welfare, sulla riorganizzazione della sanità e sull’assistenza domiciliare” ha dunque sollecitato la Cisl. Alfio Giulio segretario Fnp Cisl Siciia ha concluso “i comuni sono in crisi, la Regione totalmente assente sul fronte delle politiche sociali e sulla mancanza di una legge sulla non autosufficienza, chiediamo subito un incontro al governo regionale, i nostri anziani soffrono, biisogna intervenire subito”.

 

A.Di Marzo/12.12.2014