Migranti: Furlan “Dalla Cei appello alla vita che non può essere ignorato da chi rappresenta le istituzioni. Serve senso di responsabilità”

Posted on luglio 19, 2018, 11:13 am
25 secs
Stampa questa notizia Stampa questa notizia

 

“L’appello accorato della Cei sul dovere universale di proteggere e custodire la vita umana non può essere ignorato da quanti hanno responsabilità istituzionali sul tema doloroso e spinoso dei migranti”. Lo sottolinea la Segreteria Generale della Cisl, Annamaria Furlan. “Stiamo assistendo in queste giornate ad una gestione confusa del problema migratorio come se non fossero in gioco le vite di donne, bambini, uomini che scappano dalla morte, dalle persecuzioni, dalla fame. L’immigrazione non si può arginare vietando gli sbarchi nei porti o con atteggiamenti di sfida nei confronti degli altri paesi. Si può e si deve gestire con umanità, solidarietà e soprattutto senso di responsabilità. Gli immigrati servono al nostro paese ed alla nostra economia, perchè integrazione significa crescita e conoscenza. Come ha affermato oggi giustamente la Cei la strada per salvare la nostra stessa umanità dall’imbarbarimento passa dall’impegno a custodire sempre il dono della vita, tutte le vite, partendo proprio dai più deboli e bisognosi di assistenza come i profughi in balia dei trafficanti di morte”.