Legge nazionale di stabilità, Cgil Cisl e Uil “niente per le infrastrutture siciliane”

Posted on dicembre 17, 2015, 6:25 pm
2 mins
Stampa questa notizia Stampa questa notizia

 

“Non c’e’ niente per le infrastrutture siciliane nella legge nazionale di stabilita’ se non la riproposizione con risorse già stanziate di opere già in cantiere o già programmate”. Lo denunciano Cgil, Cisl e Uil siciliane che vedono in questo “la conferma che il governo non ha nessuna idea di sviluppo produttivo per il Sud”. “E’ un atteggiamento – scrivono in una nota i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil siciliane, Michele Pagliaro, Mimmo Milazzo e Claudio Barone – che tristemente si accompagna con la disattenzione del governo regionale che non sta esercitando il ruolo che dovrebbe innanzitutto per quanto riguarda il cosiddetto Master plan, in via di definizione”.
I sindacati hanno spulciato l’allegato infrastrutture del 13 novembre, per scoprire che la Legge di stabilita’ finanzia la “Libertinia”, uno dei tre lotti dello scorrimento veloce Caltagirone- A19; il completamento della Agrigento- Caltanissetta e , con 800 milioni, le manutenzioni straordinarie dell’A19. Per quanto riguarda le ferrovie, viene finanziato il progetto preliminare del raddoppio Palermo-Messina-Catania; la tratta Ogliastrillo-Castelbuono; il collegamento al Porto di Augusta e il completamento dei nodi ferroviari di Palermo e Catania, cioe’ il Passante e la Circumetnea. “Come si vede, dal momento che si confermano opere in larga misura già in cantiere, di piano strategico per la Sicilia -affermano Pagliaro, Milazzo e Barone – resta solo il titolo, nessuna risorsa aggiuntiva, nulla di nuovo”. I sindacati chiamano in causa anche il governo Crocetta, per chiedere “che ruolo stia esercitando nella trattativa sul Master Plan e sul Patto per la Sicilia”.