Lavoro: Sbarra “Dati impressionanti, un vero tsunami sociale. Prolungare blocco licenziamenti e sostegni al reddito e potenziare politiche attive”

Posted on aprile 06, 2021, 4:41 pm
3 mins
Stampa questa notizia Stampa questa notizia

 

“Quasi un milione di posti di lavoro in meno in un anno, un vero tsunami sociale. E ciò che rende la situazione ancora più drammatica è che la gran parte di chi ha perso il lavoro è finito tra gli inattivi, cresciuti di 717.000 unità negli ultimi dodici mesi, anziché mettersi a cercare una nuova occupazione (crescono “solo” di 21.000 unità  le persone in cerca di lavoro) perché le chance di trovarla appaiono scarsissime”. Lo dichiara in una nota il Segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra. “Quando chiediamo di prorogare la fine del blocco dei licenziamenti per tutti i datori di lavoro oltre la data del 30 giugno, superando le distinzioni previste dal Decreto Sostegni, di prolungare, in parallelo, la cassa integrazione covid, di estendere le indennità covid ad alcune categorie escluse, abbiamo in mente questo quadro. Non è possibile, a fronte di tale scenario, pensare di lasciare le persone senza questa rete di sicurezza almeno fino a quando sarà terminata la campagna vaccinale. La Cisl lo dice con fermezza e lo ripeterà domani in audizione davanti alle Commissioni Bilancio e Finanze del Senato. Ma il dato impressionante degli inattivi attira anche l’attenzione una volta di più sull’esigenza di offrire, oltre che il sostegno economico, anche un supporto in termini di servizi per il lavoro: vanno rifinanziati in maniera adeguata i due strumenti oggi esistenti di politica attiva del lavoro: serve un piano straordinario sulla formazione che faccia perno, da una parte, sul Fondo nuove competenze, per aiutare le imprese a consolidare e rinnovare le professionalità interne, dall’altra, sull’assegno di ricollocazione, da dare in dotazione automatica ai lavoratori dal primo giorno di disoccupazione, in concomitanza con un allungamento di durata della Naspi per i lavoratori che rischiano di perdere  il lavoro nel corso del 2021. Sono misure da mettere in campo immediatamente, senza le quali l’Italia rischia di trovarsi paradossalmente impreparata a fronte di opportunità occupazionali che pure in questo periodo si aprono in alcuni settori ed ancor più quando l’emergenza sanitaria finirà ed arriveranno i progetti del Recovery Fund: dobbiamo sostenere ora i lavoratori dotandoli di un bagaglio di competenze consolidate, fortificate, diversificate. Tutele dai licenziamenti, sostegni al reddito, formazione e rilancio degli investimenti pubblici e privati: quattro priorità che devono camminare insieme”.