Keller, Cisl e Fim su incontro con imprenditore interessato “si faccia presto”

Posted on luglio 06, 2015, 5:23 pm
2 mins
Stampa questa notizia Stampa questa notizia

 

“L’azienda, il Consorzio Meridionale vorrebbe partire con la produzione già ad ottobre, ha confermato così la manifestazione di interesse per la Keller oggi davanti alla Regione, un primo passo positivo che ci fa intravedere un barlume di luce per il rientro a lavoro degli operai di Carini”. Ad affermarlo sono Ludovico Guercio segretario Fim Cisl Palermo Trapani e Stefano Battaglia Rsu Fim Cisl Keller. dopo l’incontro che si è tenuto alla Regione, fra l’assessore e vice presidente della Regione Lo Bello, il dirigente dell’assessorato regionale Di Maria, Fim Fiom e Uilm e Vito Di Michele l’imprenditore , presidente del Consorzio interessato a rilevare la fabbrica di Carini dopo il fallimento della Keller. “Il consorzio ha già commesse di Trenitalia in attesa e utilizzerebbe presto gli operai per la consegna delle 25 carrozze da realizzare, la Regione dal canto suo si è detta a favore del progetto e ha chiesto un piano industriale per procedere prima con l’affitto e poi con l’acquisizione dell’area di Carini”. Il piano industriale sarà consegnato i primi di luglio secondo gli impegni assunti dall’imprenditore, che intanto ha posto una prima questione da risolvere, quella della tratta ferroviaria di Carini chiusa per lavori. “Questo bloccherebbe le carrozze all’interno dello stabilimento, la Regione ha così subito chiesto un incontro al presidente di Rfi che si terrà domani per accelerare i lavori” spiegano Guercio e Battaglia. Il sindacato vigilerà e presserà affinché i tempi siano rapidi, conclude Daniela De Luca segretario Cisl Palermo Trapani. “Davanti ad un imprenditore che vuole investire e che ha già commesse per tre anni, non si può perdere altro tempo, se in passato grandi aziende hanno voluto abbandonare la Sicilia è anche a causa dei tempi eccessivi della burocrazia e della realizzazione delle opere, si faccia presto per dare almeno una risposta ai lavoratori della Keller e una speranza di rinascita per il tessuto economico di Carini”.