Governo: Furlan “Preoccupata per tempi troppo nella preparazione del nuovo Esecutivo. Paese ha bisogno di una guida”

Posted on aprile 09, 2018, 3:49 pm
2 mins
Stampa questa notizia Stampa questa notizia

 

“Sono soddisfatta che in un momento come questo andiamo a rinnovare tanti delegati e tante delegate in rappresentanza di oltre 3 milioni di lavoratori e lavoratrici della Pubblica Aamministrazione. Credo che sia un momento importante per la vita del sindacato e mi auguro come sempre che ci sia una grande partecipazione di tutti i lavoratori. Quello delle Rsu è un ruolo impegnativo e fondamentale per la vita della contrattazione, del sindacato e soprattutto per la tutela e per la salvaguardia dei diritti di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori”. Lo ha dichiarato la Segretaria Generale della Cisl, Annamaria Furlan, nel corso dell’ incontro a Riccione con i candidati della Cisl Emilia Romagna, Rsu della Funziona Pubblica. “Sono invece preoccupata per i tempi troppo lunghi nella preparazione del nuovo governo- ha aggiunto la leader di via Po. “Il paese ha iniziato la sua crescita anche se ancora insufficiente ma ha bisogno di una guida, di un esecutivo che porti avanti gli elementi strutturali della crescita, quindi di investimenti in infrastrutture, in innovazione, in ricerca. Ecco perchè ci auguriamo che presto il paese possa avere un governo che possa stanziare investimenti sulle questioni strutturali della crescita e dello sviluppo. Per noi quello che è importante è che ci sia un governo che metta al centro il tema dello sviluppo, dell’ occupazione, della qualità della vita degli uomini e delle donne del lavoro. Spero vivamente che non si vada a nuove elezioni,non credo, infatti, che in questa fase così delicata serva agli italiani, anzi: ai cittadini servono risposte certe innanzitutto a partire dal lavoro. Non c’ è qualità del lavoro, in quello che si produce, se non è presente una grande legalità: il lavoro ha bisogno di legalità. Quindi il tema degli appalti, dei sub appalti , delle infiltrazioni spesso delle mafie anche nei grandi appalti pubblici è una delle questioni nodali da affrontare”.