Fusione Fca- Psa: Furlan, “Siti presenti nel nostro Paese devono essere salvaguardati”

Posted on ottobre 31, 2019, 5:20 pm
2 mins
Stampa questa notizia Stampa questa notizia

 

La fusione annunciata tra Fca e Psa dal punto di vista industriale è assolutamente importante e significativa. Significa dar vita al quarto gruppo industriale nel mondo, con un fatturato di 50miliardi di dollari, 8 ,7 milioni di auto vendute. Ma ovviamente questo deve portare a piani di sviluppo importanti e garanzie occupazionali. Per noi è fondamentale che tutti i siti produttivi presenti nel nostro Paese siano salvaguardati e con i siti l’occupazione”. Lo ha detto la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, ospite di Cento Città su Radio1 commentando la fusione annunciata tra Fca e Psa. “Credo possa essere dal punto di vista della competitività dei mercati internazionali ma anche dal punto di vista dell’innovazione e della ricerca una ottima possibilità per il nostro Paese. Non c’è dubbio che il piano industriale deve dare garanzie per l’occupazione per i siti italiani. Noi già oggi facciamo parte di un gruppo nel mondo molto importante. Oggi c’è questa possibilità credo davvero straordinaria che però si deve tradurre in più investimenti, più innovazione e salvaguardia dei siti e dell’occupazione.
È ovvio che finché non abbiamo rassicurazioni totali rispetto a cosa avviene nei siti industriali del nostro Paese e cosa avviene sulla occupazione, la preoccupazione c’è, ma ci sono tutte le condizioni, dal punto di vista della proiezione per il futuro di un grandissimo gruppo industriale, di poter immaginare anche aspetti positivi. Questo lo riscontreremo ovviamente nel confronto con l’azienda”.