Formazione, Cisl: “contro false riforme, mobilitazione”

Posted on gennaio 04, 2014, 12:30 pm
4 mins

Stampa questa notizia Stampa questa notizia


La Cisl annuncia “azioni di lotta durissime” presso la presidenza della Regione per fermare il massacro dei lavoratori. Chiesti stabilità del posto di lavoro, diritto alla retribuzione. E “la riforma vera che chiediamo dal 2009”

 

“È passato tutto il 2013 e nella Formazione professionale non si è visto altro che perdita di garanzie, di posti di lavoro e mancato percepimento di stipendi. L’unica soluzione prospettata per i lavoratori degli altri enti revocati, per coloro i quali hanno visto i propri enti esclusi a vario titolo dall’Avviso 20 e per i lavoratori licenziati, è quella di un transito al Ciapi di Priolo a tempo determinato per soli 7 mesi, con salari più bassi di quelli percepiti nel passato, forse con l’incubo di non incassare mai più (nonostante abbiano lavorato) gli stipendi da giugno 2013 a gennaio 2014, senza la certezza che i 1.415 bastino a tutelare tutti”. A denunciare cosi lo stato della vertenza della Formazione professionale in Sicilia, sono Giorgio Tessitore, segretario regionale Cisl Sicilia e Giovanni Migliore, segretario Cisl Scuola con delega alla Formazione. “L’annunciata rivoluzione del settore si è trasformata solo in un disastro per i lavoratori”. Il sindacato annuncia nuove mobilitazioni: “Non siamo più disponibili – affermano Tessitore e Migliore – alla luce dei fatti e dei risultati e vista l’incoerenza e il mancato rispetto degli accordi con il sindacato, promuoveremo azioni di lotta durissime e permanenti presso la presidenza della Regione coinvolgendo anche il governo nazionale e la Unione europea per smontare l’imbroglio di una falsa riforma e fermare il massacro dei lavoratori”. Da qui le richieste: “la stabilità del posto di lavoro, il diritto alla retribuzione puntuale per i lavoratori e il diritto di non essere trattati come carne di macello da un governo che si dichiara rivoluzionario e che, invece, senza idee e programmi, continua a massacrare la parte più debole, cioè i lavoratori siciliani”. Tessitore e Migliore aggiungono: “Il presidente Crocetta e gli assessori Scilabra e Bonafede non possono più perdere tempo e devono avviare una fase di riforma seria per la quale continuiamo a batterci insieme ai lavoratori”. I due segretari concludono: “La cosiddetta ‘pulizia moralizzatrice’ posta in essere dal governo Crocetta ha di fatto distrutto il settore senza alcuna idea di programmazione e di riforma, lasciando il sistema ancora sotto il controllo della politica. Dal 2009 sosteniamo che questo è un settore che va cambiato radicalmente, ristrutturato, bonificato, riqualificato e alleggerito sia come enti che come personale, con un progetto pluriennale e condiviso, mentre il governo ha fatto il contrario. Nel portare avanti un’azione di concertazione con il sindacato per le vere riforme di tutte e tre le filiere, creando di fatto il sistema della Formazione professionale in Sicilia, si continua ad alimentare il Ciapi in modo spregiudicato senza strategie e prospettive rischiando di farlo diventare un altro carrozzone della Regione. Il solo trasferimento di corsi e finanziamenti al Ciapi, con la precarizzazione dei lavoratori che da contratti di lavoro a tempo indeterminato dovrebbero passare a contratti a tempo determinato, non è la soluzione dei problemi della Formazione nell’Isola, bensì il trasferimento di tutto quello che non funziona da un ente a un altro”.