Formazione, altri licenziamenti, Cisl “lunedì sit in contro macelleria sociale”

Posted on maggio 08, 2015, 5:21 pm
2 mins
Stampa questa notizia Stampa questa notizia

 

“Lunedì prossimo, presso il servizio Centro per l’impiego di Palermo, si consumerà l’ennesimo licenziamento di altri 562 lavoratori questa volta dell’ente Ial, continuiamo a chiedere che governo e amministrazione regionale diano, subito, risposte concrete al dramma delle migliaia di lavoratori sospesi o licenziati, e al’assenza di futuro di chi ancora opera nel settore”. A scriverlo nella lettera appello sulla vertenza della Formazione professionale, è Giovanni Migliore responsabile Formazione Cisl Scuola annunciando un sit in che si terrà lunedì 11 maggio dalle 10 in via Briuccia a Palermo, davanti i locali del Centro per l’impiego a Palermo “per dire basta al massacro sociale”. “Non è possibile distruggere cosi tanti lavoratori, senza una prospettiva e una idea del futuro di tutte le filiere del settore. Continuiamo a leggere proclami ed annunci del Presidente della Regione e degli assessori che rassicurano tutti, ma alle parole continuano a non seguire i fatti. Abbiamo sollecitato un incontro con gli assessori al Lavoro e alla Formazione, servono soluzioni immediate”. “Sono oltre 3 mila gli operatori del settore, vittime di una vera e propria macelleria sociale, da un anno non percepiscono né stipendi, né, tanto meno, ammortizzatori in deroga e parecchi di loro, già licenziati, hanno pure esaurito il sostegno dell’Aspi”. Migliore conclude “Non è chiudendo gli enti senza un progetto futuro del settore che si riforma la formazione in Sicilia, il rischio è di chiudere gli enti con gli operatori anziani e qualificati per lasciare la formazione in mano a nuovi enti che non hanno personale né vogliono assumerlo. Chiediamo subito un tavolo per affrontare con l’urgenza del caso il dramma sociale dei lavoratori e porre la parola fine a questo massacro”,.