Fisco: Bonanni “non bastano le promesse di Renzi”

Posted on settembre 16, 2014, 3:43 pm
2 mins

Stampa questa notizia Stampa questa notizia


ROMA (ITALPRESS) – “Il Governo deve uscire dall’ambiguita’ sulla vicenda fiscale. Non bastano le promesse vaghe che anche oggi Renzi ha ripetuto alla Camera, anche perche’ non si capisce la battaglia politica che vuole portare avanti il Governo sul piano europeo”. Lo ha sottolineato il Segretario Generale della Cisl, Raffaele Bonanni nel corso del Comitato Esecutivo della Cisl, in corso a Roma. “E’ ormai opinione ampiamente condivisa che in tutta Europa ed in Italia,in modo particolare, il problema centrale e’ quello di sostenere la domanda. E’ certamente utile il piano da 300 miliardi proposto dal Juncker, ma gli effetti di questo piano non potranno che essere a medio -lungo termine.
Effetti rapidi immeditati possono essere ottenuti solo con una forte diminuzione della pressione fiscale su famiglie e imprese. Diversamente non si comprende quale sia il terreno sul quale il Governo italiano vuole misurarsi con l’Europa – ha proseguito Renzi -. Il Governo deve, quindi, affrontare il tema piu’ volte richiamato dalla Cisl di una profonda riforma fiscale, da attuare anche gradualmente, che diminuisca il carico fiscale su lavoratori, pensionati e imprese che investono, ma con una ripresa efficace della lotta all’evasione fiscale. Non sono sufficienti la stabilizzazione degli ottanta euro, allargando la platea ai pensionati, e la diminuzione dell’Irap del 10 per cento”.
“E’ necessario un intervento choc di riduzione delle tasse, molto piu’ forte nel prossimo triennio (alcuni economisti lo indicano nell’ordine del 5 per cento del Pil) con un intervento della Bce per finanziare, nel breve e medio periodo, gli effetti negativi di questa manovra sul bilancio pubblico – ha concluso Bonanni -. Un intervento di questo tipo naturalmente non significa il ritorno alla finanza allegra, ma rende ancora piu’ necessario e non rinviabili tutte le riforme strutturali oggi impantanate in Parlamento, a partire da quella del lavoro, senza bloccarsi su diktat ideologici, e con un forte intervento di spending rewiev, che oggi sembra abbandonato, perche’ finalmente aggredisca tutte le zone di rendita e di sprechi nel paese”.