#Firmalacrescita, primo gazebo in via Magliocco a Palermo, mercoledì dalle 9,30

Posted on maggio 18, 2015, 4:04 pm
2 mins

Stampa questa notizia Stampa questa notizia
 

Sarà in via generale Magliocco al centro di Palermo il primo banchetto in città dell’iniziativa #firmalacrescita per la raccolta firme sulla proposta di legge di iniziativa popolare di riforma del sistema fiscale, presentata dalla Cisl nazionale. L’appuntamento è fissato per mercoledì 20 maggio dalle ore 9,30 alle 13,30, sarà presente il segretario Cisl Palermo Trapani Daniela De Luca. Gli appuntamenti nel palermitano a partire dal 3 giugno a Partinico al convento dei Carmelitani dalle ore 16, il 4 giugno a Castelbuono in piazza Margherita, il 5 giugno iniziativa Fp Cisl sempre a Palermo presso l’Nh hotel di via Messina Marine, il 7 giugno a Termini Imerese in piazza Duomo, l’8 giugno a Cefalù in piazza Garibaldi. . “Firmare questa proposta è fondamentale per favorire nuova liquidità e capacità di spesa soprattutto per le famiglie del ceto medio che in questi anni si sono viste profondamente penalizzate fino alla povertà , – spiega Daniela De Luca segretario Cisl Palermo Trapani – obiettivo della proposta è la ridistribuzione del reddito per far ripartire quindi i consumi. Siamo molto preoccupati per la crisi e la povertà che ha soffocato i territori di Palermo e Trapani, e la nostra proposta di ridurre il carico fiscale liberando risorse , è il primo passo per far ripartire l’economia e il lavoro”.
La proposta della Cisl, prevede l’introduzione di un nuovo assegno familiare, sulla base delle effettive condizioni di disagio e che cresce al crescere dei carichi familiari e si riduce all’aumentare del reddito; l’estensione del bonus di 80 euro a tutti, anche ad incapienti, pensionati, lavoratori autonomi, sotto i 40 mila euro di reddito; l’introduzione di una tassa sui grandi patrimoni oltre i 500 mila euro l’esenzione della prima casa dalle imposte; una lotta all’evasione fiscale più efficace con maggiori sanzioni amministrative, penali e maggiori controlli. L’obiettivo nei due territori di Palermo e Trapani è la raccolta di 60 mila firme