Fincantieri, Fim Fiom e Uilm “subito tavolo istituzionale per il rilancio del cantiere navale”

Posted on giugno 14, 2016, 12:28 pm
36 secs

Stampa questa notizia Stampa questa notizia
 

“E’ necessario un consistente impegno sul fronte delle commesse per il cantiere di Palermo, che si caratterizza come il polo industriale ed economico strategico e fondamentale per il territorio di Palermo”. A chiederlo sono Fim Fiom e Uilm Palermo e le segreterie di Cgil, Cisl e Uil Palermo, che aggiungono: “Nonostante l’arrivo delle commesse a settembre ad oggi non c’è una prospettiva certa che assicuri carichi di lavoro tali da garantire piena occupazione soprattutto per i lavoratori dell’indotto attualmente fuori dal ciclo produttivo e un rilancio occupazionale sul territorio”. I sindacati richiamano alle proprie responsabilità tutte le istituzioni, a cominciare dalla Regione. “Troppo tempo è stato perso. Chiediamo maggiore impegno anche all’azienda sul rilancio di quella che resta la principale realtà industriale ed economica di Palermo. Per tutte queste ragioni – concludono Fim Fiom Uilm – chiediamo con forza l’immediata costituzione di un tavolo di trattativa con tutti i soggetti istituzionali interessati, Autorità Portuale, Comune di Palermo, Regione Siciliana, governo nazionale, Prefettura, il sindacato e la stessa Fincantieri per rilanciare il cantiere navale di Palermo con una vera missione produttiva al pari degli altri cantieri del gruppo”.