Fiat, tavolo al Mise, Cisl “si proceda in tempi stretti”

Posted on novembre 10, 2014, 4:04 pm
2 mins

Stampa questa notizia Stampa questa notizia
 

“Il ministero dello Sviluppo Economico ha ribadito le rassicurazioni sulla solidità finanziaria del progetto Grifa, abbiamo chiesto una accelerazione sui prossimi step per giungere all’avvio del piano industriale, prima di tutto la firma del nuovo accordo di programma per ribadire anche in quella sede la richiesta di salvaguardia dell’indotto, dobbiamo dare risposte certe ai lavoratori, ormai esasperati”. Ad affermarlo sono Ludovico Guercio Segretario Fim Cisl Palermo Trapani e Giovanni Scavuzzo segretario provinciale Fim, al termine dell’incontro che si è tenuto oggi a Roma sulla vertenza ex Fiat di Termini Imerese alla presenza di Fim Fiom Uilm, il vice ministro dello Sviluppo economico Claudio De Vincenti, Grifa e Invitalia. “Ad Invitalia abbiamo chiesto di accelerare i tempi di certificazione sulla fattibilità del progetto Grifa. Sul fronte finanziario, De vincenti ci ha comunicato l’adesione della banca brasiliana BRJ al finanziamento del progetto per Termini, entro la prossima settimana saranno confermati anche i 25 milioni di euro annunciati da Grifa”. Per il progetto di Termini Imerese è prevista la produzione a regime di 7 modelli su 2 piattaforme. Entro il primo trimestre del 2016 sarà terminata la fase di progettazione e sviluppo, subito dopo la produzione della cosiddetta pre serie, per passare nel secondo semestre alla produzione di serie. Entro il 2018 previsto l’assorbimento di 760 lavoratori. “Entro metà dicembre inoltre, si dovrà procedere con la cessione del ramo d’azienda”. Mimmo Milazzo Segretario Cisl Palermo Trapani conclude, “bisogna subito procedere con la firma dell’accordo di programma quadro e l’avvio anche del progetto di Mossi e Ghisolfi che prevede l’inserimento di altri lavoratori. Troppo tempo è stato perso e nonostante le rassicurazioni di oggi del Mise sulla solidità finanziaria del piano Grifa, l’unica cosa che può rassicurare davvero i lavoratori, dopo anni di attesa sono i fatti”. Il prossimo incontro è già stato fissato per il 17 novembre.