“Fermiamo le stragi nel Mediterraneo”, domani alle 18.00 fiaccolata a Palermo

Posted on ottobre 10, 2013, 1:38 pm
2 mins

Stampa questa notizia Stampa questa notizia


Alle ore 18,30 di oggi i tre Segretari di Cgil Cisl e Uil Palermo, Maurizio Calà, Mimmo Milazzo e Antonio Ferro si recheranno infatti all’ospedale Civico di Palermo dove sono ricoverati parte dei naufraghi della tragedia avvenuta lo scorso 3 ottobre nel mare di Lampedusa.

 

Incontreranno per una visita di solidarietà i naufraghi della terribile tragedia di Lampedusa ricoverati a Palermo, e per spiegare loro le richieste dei sindacati al governo nazionale in tema di immigrazione e il senso della fiaccolata che terranno domani a Palermo come in tutte le altre città siciliane. Alle ore 18,30 di oggi i tre Segretari di Cgil Cisl e Uil Palermo, Maurizio Calà, Mimmo Milazzo e Antonio Ferro si recheranno infatti all’ospedale Civico di Palermo dove sono ricoverati parte dei naufraghi della tragedia avvenuta lo scorso 3 ottobre nel mare di Lampedusa. L’iniziativa si inserisce nell’ambito della mobilitazione nazionale “Fermiamo le stragi nel Mediterraneo” stabilita dai sindacati per la giornata di domani domani 11 ottobre per chiedere “una diversa politica in materia di immigrazione ed asilo” ed esprimere la solidarietà e il cordoglio dei sindacati per la terribile strage di Lampedusa. Domani alle ore 18 si terrà la fiaccolata dei rappresentanti dei lavoratori che a Palermo partirà da piazza Massimo per raggiungere via Cavour, sede della Prefettura. I sindacati presenteranno al Prefetto le loro proposte: “realizzare un piano per la costruzione di un efficace sistema di accoglienza, anche attraverso l’impegno dell’Unione europea, che non può esimersi dalla responsabilità di sostenere una delle più importanti frontiere europee nel Mediterraneo – si legge nel volantino dell’iniziativa -; istituire corridoi umanitari per i profughi che fuggono dalle guerre, rendendo esigibili in condizioni di sicurezza, l’accesso all’asilo ed alle misure di protezione internazionale”. I sindacati chiedono inoltre di “riformare la legislazione sull’immigrazione e dotare l’Italia di una legge organica in materia di asilo e contrastare la tratta degli esseri umani, anche attraverso forme efficaci di collaborazione con i paesi di origine e di transito di migranti e profughi e colpendo duramente i trafficanti”.

 
Visualizza il manifesto della manifestazione
 
Le immagini della fiaccolata