Equitalia, Furlan “Non rottamare i lavoratori che hanno fatto solo il proprio dovere”

Posted on novembre 14, 2016, 5:19 pm
2 mins

Stampa questa notizia Stampa questa notizia
 

“I dipendenti di Equitalia sono persone serie e preparate professionalmente che hanno fatto solo il proprio dovere, applicando le leggi per assicurare alle casse dello Stato i proventi della lotta all’evasione fiscale”. A sottolinearlo è la Segretaria Generale della Cisl Annamaria Furlan dalle colonne de “Il Tempo” a proposito dello sciopero di oggi dei dipendenti di Equitalia. “I lavoratori di Equitalia oggi sono in piazza a Roma per difendere le loro prerogative e l’importanza del servizio di riscossione delle tasse e dei tributi evasi a livello locale e nazionale- aggiunge la leader della Cisl- E’ una battaglia sindacale emblematica. Forse c’è stato in questi anni un eccesso di norme vessatorie nei confronti di chi aveva anche piccole pendenze con il fisco. Ma la scelta del Governo di trasformare Equitalia in ente pubblico economico non giustifica le offese e le gravi intimidazioni cui sono stati sottoposti i dipendenti, la cui unica colpa è quella di essere dei servitori dello Stato.Una funzione pubblica senza dubbio delicata ma fondamentale in uno stato di diritto per garantire le entrate fiscali ed i servizi pubblici ai cittadini”‘ sottolinea la Furlan. ” I dipendenti di Equitalia non possono essere “rottamati” ma hanno tutti il diritto di continuare a prestare la loro attività senza il bisogno di nuove selezioni pubbliche o ulteriori penalizzazioni contrattuali e salariali.Un fisco equo è alla base di un sano rapporto tra Governo e cittadini. La battaglia dei lavoratori Equitalia è simile a quella di tutti i cittadini italiani che reclamano più giustizia fiscale,servizi efficienti, città pulite, scuole ed ospedali di qualità. Ecco perché abbiamo proposto a Cgil e Uil di costruire insieme una piattaforma unitaria per aprire il confronto con il Governo con l’obiettivo di cambiare radicalmente il sistema fiscale con lo stesso metodo concertativo e lo spirito costruttivo che abbiamo utilizzato nelle scorse settimane per modificare la legge Fornero sulle pensioni”.