Enti locali, Cgil, Cisl e Uil e Csa: “Comune di Palermo ha bloccato senza motivazione la stabilizzazione dei precari”

Posted on luglio 09, 2018, 11:40 am
2 mins
Stampa questa notizia Stampa questa notizia

 

Il Comune di Palermo ferma la stabilizzazione dei precari. Lo rendono noto Lillo Sanfratello (Cgil Fp), Mario Basile e Salvatore Lo Gelfo (Cisl Fp), Nicola Scaglione (Csa), Salvatore Sampino e Ilio Martines (Uil Fpl). I sindacati hanno inviato una nota al sindaco Leoluca Orlando, denunciando che “i vertici comunali hanno annunciato la decisione di non utilizzare il D.lgs.75/2017 per i percorsi di stabilizzazione, senza dare alcuna motivazione”. Le sigle sindacali sottolineano anche come “nessuna certezza sia stata fornita anche sulle eventuali proroghe dei contratti a tempo determinato, i primi dei quali sono in scadenza a partire dal dicembre 2018”. “La situazione – aggiungono Sanfratello, Basile, Lo Gelfo, Scaglione, Sampino e Martines – è molto più grave alla luce delle scadenze che la città si trova ad affrontare nell’immediato, già a partire dalla prossima festività della Santa Patrona del 15 luglio, alla visita del Santo Padre prevista per il 15 settembre ed a tutte le iniziative della ‘capitale italiana della cultura’ che sono in programmazione entro il 2018, sulle quali pende la grave incertezza sulla garanzia dei servizi”. Per i sindacati, il probabile slittamento dell’approvazione del bilancio di previsione del Comune mette a rischio il futuro dei lavoratori e rischia di arrecare gravi disagi alla cittadinanza. “Il Comune ha scelto di far ricadere unicamente sulle spalle dei dipendenti responsabilità altrui – proseguono i sindacalisti – come dimostra la decisione di fermare l’applicazione di alcuni istituti contrattuali, per evitare possibili danni erariali conseguenti ai rilievi del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Oggi si gioca sulla pelle dei lavoratori a tempo determinato, lasciati nella totale insicurezza”. I sindacati hanno proclamato lo stato di agitazione di tutto il personale comunale, “preso atto dello stallo delle trattative e del grave danno per i lavoratori e per i servizi ai cittadini”. (laco)