Elettrici, siglata ipotesi di accordo per il rinnovo contrattuale, sindacati “ribadita la centralità del contratto nazionale”

Posted on gennaio 25, 2017, 12:56 pm
3 mins

Stampa questa notizia Stampa questa notizia
 

Dopo oltre un anno di trattative, all’alba del 25 gennaio a Roma, tra Assoelettrica-Confindustria, Utilitalia-Confservizi, Energia Concorrente, Enel, Gse, Sogin, Terna e i sindacati del settore Filctem-Cgil, Flaei-Cisl, Uiltec-Uil, è stata siglata l’ipotesi d’accordo per il rinnovo del contratto del settore elettrico (oltre 53.000 i lavoratori interessati), scaduto il 31 dicembre 2015. L’intesa sottoscritta prevede un aumento complessivo di 105 euro, di cui 70 sui minimi contrattuali, 20 euro sul premio di produttività, 15 euro sul “welfare contrattuale” (5 euro sulla assistenza integrativa sanitaria dal 1 gennaio 2017; 5 euro sulla previdenza integrativa dal 1 gennaio 2017; 5 euro sulla premorienza dal 1 gennaio 2018). L’aumento medio sui minimi di 70 euro è distribuito in 2 tranche: dal 1 febbraio 2017, 35 euro; dal 1 aprile 2018, 35 euro. Per quanto attiene al premio di produttività (210 euro nel 2017, 280 euro nel 2018: complessivamente 20 euro mensili a regime), al termine della vigenza contrattuale – e in relazione alle variazioni in positivo o negativo dell’inflazione consuntivata – si procederà al trasferimento sui minimi dell’importo. Una volta ufficializzati i dati consuntivi di inflazione nel triennio, se il tasso di inflazione sarà uguale o superiore a quanto previsto alla firma del rinnovo (2,7%), l’importo stanziato dei 20 euro sarà inglobato nei minimi contrattuali; se inferiore, si procederà all’inglobamento nei minimi dell’inflazione e alla stabilizzazione della differenza sul premio di produttività. Una delle innovazioni contrattuali è costituita da un “welfare aziendale” orientato alle attuali esigenze dei lavoratori e delle loro famiglie.
“Anche con questa intesa–dicono soddisfatti Emilio Miceli, Carlo De Masi, Paolo Pirani, rispettivamente segretari generali di Filctem, Flaei, Uiltec – abbiamo voluto ribadire la centralità del contratto nazionale e del lavoro, il potere d’acquisto del salario attraverso un congruo incremento dei minimi, il miglioramento del welfare contrattuale e delle prestazioni lavorative”.
Una novità di rilievo è rappresentata dalla clausola di salvaguardia occupazionale: accanto alla immediata operatività di strumenti finalizzati alla ricollocazione all’interno del settore stesso, è prevista la costituzione di un fondo di solidarietà di settore. Inoltre imprese e sindacati hanno firmato un avviso comune finalizzato a potenziare l’Osservatorio permanente dell’energia presso il ministero dello Sviluppo Economico per affrontare i temi legati alla transizione energetica e richiedere al Governo un confronto sia sulle esigenze strategiche del settore elettrico, sia sugli strumenti per garantire la tutela dell’occupazione nel settore. L’altra novità è costituita dalla riunificazione dei due contratti presenti nel settore, vista la partecipazione alle trattative e alla stesura dell’ipotesi di accordo dell’associazione datoriale “Energia Concorrente”, che nella precedente tornata contrattuale non aveva aderito al contratto di settore.
L’ipotesi di accordo stipulata – fanno sapere i sindacati – sarà unitariamente e immediatamente sottoposta all’approvazione delle assemblee dei lavoratori.