DL Stabilità, Cgil, Cisl, Uil: al via gli scioperi territoriali per cambiare la manovra

Posted on ottobre 21, 2013, 4:38 pm
4 mins

Stampa questa notizia Stampa questa notizia

‘Questa manovra non serve alla crescita’ hanno sottolineato i segretari generali Susanna Camusso, Raffele Bonanni e Luigi Angeletti annunciando le prossime iniziative di protesta che si articoleranno territorialmente da qui a metà novembre in tutto il Paese per influenzare il dibattito parlamentare

 

Roma, 21 ottobre 2013. “Sciopero nazionale di 4 ore, con manifestazioni gestite a livello territoriale da qui a metà novembre , quanto deciso da Cgil, Cisl e Uil nel corso dell’incontro svoltosi stamani nella sede della Uil per stabilire quali azioni mettere in campo per cambiare la legge di stabilità. Lo hanno annunciato al termine dell’incontro i tre leader di Cgil, Cisl e Uil Susanna Camusso, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti nel corso di una conferenza sottolineando che “”questa manovra non serve alla crescita”.
“Il dente duole sulla vicenda fiscale – ha ribadito alla stampa il Segretario Generale della Cisl, Raffaele Bonanni. “Una questione, quella fiscale, che ha ridotto al lumicino il reddito delle famiglie e falcidiato i posti di lavoro. Questo è il punto che noi confederali abbiamo posto da tempo insieme agli industriali quale priorità per la crescita del Paese. “Avevamo davvero fiducia che questa volta ci sarebbe stata una diminuzione della tassazione su lavoratori e pensionati. Credevamo che il Governo avesse capito che questa era la priorità, anche perché questo tema è stato al centro di tutto il dibattito economico nazionale. Le troppe tasse stanno rarefacendo la nostra realtà economica. A noi questo sembrava fosse un fatto acclarato, e ci sembrava che fosse volontà del governo affrontare la questione. Così non è stato, il governo ha fatto vincere quel potere che da tempo influenza le finanziarie del Paese, il partito della spesa pubblica il vero gruppo che blocca la possibilita’ di crescita. Ora noi, con Cgil e Uil, vogliamo modifiche concrete”
Bonanni ricorda pertanto che “a pagare la vittoria del partito della spesa” sono i lavoratori e in particolare quelli del pubblico impiego che vedono ridursi continuamente il potere d’acquisto. Veniamo da una perdita di 250 mila posti di lavoro nel pubblico impiego e da sette anni di astensione di rinnovi contrattuali: ormai e’ una sorta di cimitero, dove nulla si muove”.
Il Segretario generale della Cisl si è detto quindi a favore della “stabilita’ produttiva” e di non volersi confondere con i “populisti” che vogliono tenere “la situazione instabile, con governi che saltano, per la soddisfazione dei poteri della rendita”.
L’obiettivo dei sindacati e’ quindi di ridurre le tasse recuperando risorse dai tagli agli sprechi, passando per la soppressione degli enti inutili, per l’introduzione di costi standard in tutta la pubblica amministrazione, nell’organizzazione di servizi comuni pubblici a carattere regionale”.
Duro il Segretario generale della Cisl anche sulla mancata introduzione Dl stabilita’ di misure pensionistiche: “E’ importante lenire le ferite che sono state inferte dalla riforma Fornero” ha detto lanciando un invito-al dialogo
al ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, affinche’ la legge venga modificata. “Se il Ministro vuole discutere con noi siamo ben disposti a farlo, ma non vogliamo perdere tempo”.
Ed infine Bonanni ha chiesto al premier Letta di recuperare il documento sulle riforme istituzionali e amministrative, testo “cardine” che e’ stato dimenticato”.
 
Fonte: cisl.it