Disoccupazione giovanile dati Istat, Furlan “impongono assunzione di responsabilità da parte di tutti”

Posted on gennaio 31, 2017, 6:00 pm
2 mins

Stampa questa notizia Stampa questa notizia
 

“I dati diffusi oggi dall’Istat sull’aumento della disoccupazione giovanile impongono una assunzione di responsabilità da parte di tutti. Siamo d’accordo con il Presidente di Confindustria, Boccia: il lavoro dei giovani deve diventare la priorità del Governo, delle forze economiche e sociali e di quanti hanno responsabilità istituzionali a tutti i livelli”. Lo ha sottolineato oggi la Segretaria Generale della Cisl, Annamaria Furlan, nel suo intervento al Consiglio Generale della Cisl riunito a Roma, commentando i dati dell’Istat. “Non possiamo aspettare le elezioni o le consuete alchimie della politica. Di fronte alla gravita’ della situazione occupazionale del paese, soprattutto nelle aree del Mezzogiorno, e’ indispensabile un Patto sociale per lo sviluppo e la crescita incentrato sulla decontribuzione permanente per le assunzioni stabili, la detassazione degli investimenti in innovazione, ricerca e formazione, far decollare subito lepolitiche attive del lavoro e l’alternanza scuola-lavoro, attivare il piano di industria 4.0, sbloccando tutto ciò che oggi e’ spendibile sul piano della costruzione di infrastrutture, reti digitali ed altre opere pubbliche. Ha fatto bene ieri il Ministro Poletti ad annunciare una prossima convocazione del sindacato sui temi del lavoro, della modifica dei voucher e delle parti ancora inattuate dell’accordo sulla previdenza. Serve una svolta perché non possiamo accontentarci di qualche occupato in piu’ o di qualche inattivo in meno come certifica oggi l’Istat. Dobbiamo affrontare il tema della disoccupazione e dell’inclusione sociale con una politica nuova di redistribuzione del reddito, facendo una battaglia seria nel prossimo vertice europeo di giugno come sistema paese per un cambiamento radicale dello Statuto economico e dei vincoli troppo rigidi ai bilanci che bloccano oggi gli investimenti pubblici produttivi” .