Dati Osservatorio Economico CCIAA Palermo, Milazzo: “preoccupati, politica sia responsabile”

Posted on aprile 14, 2014, 12:17 pm
3 mins

Stampa questa notizia Stampa questa notizia


Sono dati allarmanti che evidenziano quanto soffre il capoluogo che pur ha vocazioni di crescita in alcuni settori cruciali come il turismo e il terziario. Torniamo a chiedere dunque un vero piano rilancio dell’economia che parta dalla valorizzazione delle specificità dei territori come appunto quella turistica, la realizzazione delle infrastrutture , la riduzione degli sprechi nella pubblica amministrazione con la riqualificazione della spesa, la lotta all’evasione per giungere alla riduzione della tassazione locale, la diminuzione del peso fiscale sui conti delle famiglie

 

“Lo diciamo da tempo, le percentuali sulla disoccupazione giovanile oltre il 50%, dei posti persi in cinque anni ben oltre 46 mila, della chiusura degli esercizi commerciali soprattutto quelli storici, l’aumento del ricorso alla cig e l’indebitamento delle famiglie con il conseguente calo dei consumi, sono dati di fatto della realtà palermitana che raccontano l’emergenza che ormai vive l’economia e il tessuto sociale della città, da troppi anni. Alla politica chiediamo una presa di coscienza con un serio piano di interventi per il rilancio del futuro del capoluogo siciliano”. A commentare cosi i dati dell’Osservatorio economico 2013 diffusi oggi dalla Camera di Commercio di Palermo, è Mimmo Milazzo Segretario Cisl Palermo Trapani. “Sono dati allarmanti che evidenziano quanto soffre il capoluogo che pur ha vocazioni di crescita in alcuni settori cruciali come il turismo e il terziario. Torniamo a chiedere dunque un vero piano rilancio dell’economia – afferma Milazzo – che parta dalla valorizzazione delle specificità dei territori come appunto quella turistica, la realizzazione delle infrastrutture, la riduzione degli sprechi nella pubblica amministrazione con la riqualificazione della spesa, la lotta all’evasione per giungere alla riduzione della tassazione locale, la diminuzione del peso fiscale sui conti delle famiglie”. Milazzo conclude, “noi siamo pronti a fare la nostra parte cosi come la Camera di Commercio ha annunciato con le parole del Presidente Helg, sediamoci attorno ad un tavolo tutti, sindacati, imprenditori, istituzioni locali e regionali per programmare interventi immediati per agevolare le imprese, per riavviare il settore edile con le opere pubbliche attese, per utilizzare al meglio i fondi europei, per snellire la burocrazia e favorire la nascita e la permanenza delle industrie e degli esercizi commerciali. Bisogna, infine, colmare subito quel gap infrastrutturale che ha portato in questi ultimi anni all’abbandono e al rischio di abbandono del nostro territorio, da parte dei grandi gruppi industriali” .