Crisi Trasporto pubblico locale, sindacati proclamano sciopero il 21 settembre

Posted on settembre 03, 2015, 2:38 pm
2 mins

Stampa questa notizia Stampa questa notizia
 

I tagli della Regione, doppi rispetto alle previsioni della legge finanziaria, pesanti ed ingiustificati, rischiano di mettere in ginocchio i trasporti nelle città e nelle aree urbane ed extraurbane della Sicilia. E’ quanto denunciano le segreterie regionali Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti che, dopo l’esito negativo dell’incontro con l’assessore ai Trasporti Giovanni Pizzo e del direttore del Dipartimento Fulvio Bellomo, hanno proclamato per lunedì 21 settembre 2015 lo sciopero dei lavoratori dipendenti delle aziende di trasporto pubblico. “Riteniamo non più tollerabile la grave crisi in cui versa il trasporto pubblico locale in Sicilia – commentano i segretari regionali Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, Franco Spanò, Amedeo Benigno e Agostino Falanga – gli ulteriori tagli, confermati nell’incontro in assessorato, determineranno il collasso delle aziende del settore, un ulteriore deterioramento dei servizi resi ai cittadini ed il rischio di una grave riduzione dei livelli occupazionali. E’ da irresponsabili – aggiungono i sindacati – che il governo regionale, in gravissima crisi di liquidità, abbia ancora tagliato risorse per il trasporto pubblico”. Sul capitolo di spesa dei trasporti urbani per il 2015 è stata stabilita un’ulteriore riduzione dei corrispettivi a partire dal 1 luglio del 15 % che, aggiungendosi al 20% degli anni precedenti ed alla annunciata ulteriore riduzione del 25% per il 2016, posiziona la Sicilia come fanalino di coda fra le regioni d’Italia. “I tagli complessivi al Tpl in Sicilia avranno ricadute pesanti e insopportabili sull’organizzazione dei servizi penalizzando gli spostamenti quotidiani di studenti e lavoratori. Non riteniamo più ammissibile tale situazione per questo siamo costretti ad indire lo sciopero regionale di tutto il settore per la tutela dei livelli occupazionali e rivendicare l’importanza della qualità dei servizi resi ai cittadini, strategici per lo sviluppo economico e sociale della Sicilia”.