Crisi, Cisl messa alla Tomasello, “ripartire dalle nostre migliori produzioni”

Posted on dicembre 22, 2014, 2:29 pm
4 mins

 

“Senza lavoro non c’è dignità, viviamo ormai in un mondo contraddistinto dall’indifferenza, ciò che deve prevalere è il bene della collettività”. Ha ricordato così l’emergenza lavoro, l’arcivescovo di Palermo Paolo Romeo nel corso della messa celebrata stamani, alla presenza dei lavoratori e dei rappresentanti del sindacato all’interno della fabbrica Tomasello a Casteldaccia, organizzata dalla Cisl Palermo Trapani. Un momento ha detto, “per sostenere chi soffre di più soprattutto durante le festività natalizie e per stare vicino, come deve fare la chiesa, a chi non spera più”. Alla messa hanno preso parte i segretari Cisl Palermo Trapani Daniela De Luca, Cisl Sicilia Mimmo Milazzo e il segretario confederale Maurizio Bernava. “Abbiamo scelto di stare vicini agli oltre 50 lavoratori della Tomasello e a tutti i dipendenti delle aziende in crisi – spiega Daniela De Luca segretario Cisl Palermo Trapani –, perché vogliamo credere che, pur in un momento cosi buio, possa esserci una possibilità di speranza, di rilancio. Siamo veramente preoccupati, la crisi ha colpito le nostre eccellenze, marchi storici come quello del pastificio di Casteldaccia. Ci auguriamo che le trattative in corso per riaprire la fabbrica possano andare a buon fine, non possiamo accettare la lenta desertificazione che sta colpendo i nostri territori di Palermo e Trapani, vogliamo tutelare i lavoratori ma anche le principali produzioni delle nostre realtà, solo così potremo vedere una via d’uscita”. Mimmo Milazzo Segretario Cisl Sicilia ha aggiunto “è importante che il settore dell’agroalimentare riparta, è una risorsa fondamentale per il sistema paese e per la nostra economia, bisogna fare di più per evitare di perdere aziende e posti di lavoro, bisogna far ripartire l’economia proprio partendo dalle nostre produzioni”. Presente anche il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, “il lavoro è un diritto, dietro ogni posto perso c’è l’angoscia di una famiglia, siamo qui per sostenere un settore così importante come l’agroalimentare che proprio nell’anno dell’Expo dovrebbe vedere il suo rilancio, ci auguriamo che la fabbrica possa riaprire presto”. Alla messa hanno partecipato le famiglie dei lavoratori del pastificio, delegazioni di operai della Keller, di Ansaldo Breda, della formazione. “Purtroppo – ha commentato Giovanni Tomasello, presidente del marchio storico -, siamo giunti alla dolorosa scelta di chiudere la fabbrica, di firmare le lettere di licenziamento, è stato un momento terribile, speriamo che il futuro riservi la possibilità di garantire i lavoratori e le loro famiglie”. Nelle parole dell’arcivescovo Romeo le preoccupazioni sulle conseguenze della mancanza del lavoro, “il rischio è cadere nel vizio, aumentano l’uso di alcool e droghe, dilaga il gioco che rovina le famiglie, troppi sprechi nel passato hanno portato a questa crisi, bisogna rimettere al centro della società il bene della persona e della famiglia e quello del Natale è il momento giusto”. In fabbrica è giunto poi anche il missionario Biagio Conte, per esprimere tutto “il sostegno ad un azienda importante ai suoi dipendenti e a tutti i lavoratori che vivono un momento difficile”

 

Cisl messa Tomasello GdsCisl mssa Tomasello La SiciliaCrirsi messa e Fiat La repubblicaStampa questa notizia Stampa questa notizia

22/12/2014 MESSA DI NATALE CON I LAVORATORI DELLA TOMASELLO – VIDEO INTERVISTE

foto per articolo IMG_0292 IMG_0304 IMG_0309 IMG_0312 IMG_0342 IMG_0347 IMG_0351 IMG_0360 IMG_0421 IMG_0408 IMG_0406 Panoramica_senza titolo1 IMG_0421 IMG_0377 IMG_0375 IMG_0364 IMG_0362foto per articolo