Corte dei Conti, Cisl Sicilia: “non ci dice niente di nuovo”

Posted on luglio 03, 2014, 6:08 pm
58 secs

Stampa questa notizia Stampa questa notizia


Il pronunciamento di parifica dei giudici contabili è “l’ennesima conferma dell’estrema fragilità strutturale” in cui la Sicilia versa. Affermazioni giustificazione irresponsabili. Urge un piano complessivo di ristrutturazione

 

Il giudizio di parifica della Corte dei conti “non ci dice niente di nuovo”. È quanto scrive la Cisl per la quale il pronunciamento della magistratura contabile “è l’ennesima conferma dell’estrema fragilità strutturale di Regione, enti locali e società partecipate”. Per il sindacato guidato in Sicilia da Maurizio Bernava, “sono fuori luogo e anche indice di irresponsabilità le dichiarazioni giustificazioniste del presidente della Regione e il suo continuo chiamare in causa le gestioni politico-amministrative degli anni passati”. “I pronunciamenti della Corte – scrive la Cisl – non sono pagelle. Sono un richiamo alla responsabilità della classe dirigente perché la situazione nell’Isola non è più sostenibile sul piano economico, sociale e amministrativo”. “Serve – afferma Bernava – un vero cambiamento attraverso un piano complessivo di ristrutturazione, recupero di risorse, riorganizzazione dei sistemi e messa a reddito di servizi e personale. Di Regione, enti locali e società partecipate”. Pertanto, basta con le finzioni: del governo. E anche del sindacato. È per questo che “sabato – ricorda Bernava – nel corso del confronto a Palazzo d’Orleans, abbiamo ribadito la disponibilità della Cisl a dare un contributo propositivo e ad assumersi ogni responsabilità per la parte che le compete e anche sul piano degli inevitabili sacrifici”. (ug)

 
Fonte:cislsicilia.it