Consiglio generale Cisl, “Infrastrutture, partecipate, edilizia per rilanciare le città”

Posted on luglio 26, 2017, 11:00 am
3 mins
Stampa questa notizia Stampa questa notizia

 

Industrie, infrastrutture, rilancio del turismo e delle partecipate dei comuni per garantire lo sviluppo. Sono alcuni dei punti toccati nella sua relazione dal reggente della Cisl Palermo Trapani Mimmo Milazzo, nel corso del Consiglio generale del sindacato riunito stamane al convento di Baida a Palermo. Fra i nodi centrali la crisi dei territori, le migliaia di posti di lavoro persi nelle due città nell’ultimo anno, e la necessità di risolvere subito tutte le vertenze cruciali. “Bisogna partire dalle industrie, salvaguardare la produzione nei nostri territori, ma non solo. Le infrastrutture sono fondamentali poi, e ancora ci troviamo davanti spesso alla mancanza di progetti esecutivi, è grave che le amministrazioni comunali non procedano. Cosi come troviamo grave che gli enti locali si trovino a dover restituire i fondi destinati all’edilizia scolastica che porta posti di lavoro e crea scuole sicure per i nostri studenti”. Secondo Milazzo, “bisogna dare un accelerata a progetti cruciali come quello della rete ferroviaria che deve collegare i due aeroporti di Palermo e Trapani, l ‘anello ferroviario del capoluogo siciliano, tutti progetti cruciali per lo sviluppo delle città. Ma non solo – aggiunge Milazzo –, i comuni devono puntare all’equilibrio economico finanziario dei bilancio consolidati, i conti delle partecipate sono fondamentali per garantire i servizi ai cittadini e tutelare i lavoratori”. Grande anche la responsabilità della Regione ha aggiunto Milazzo. “La tardiva approvazione del bilancio preventivo incide su troppe cose, come ad esempio sulla campagna di prevenzione antincendio e come ogni anno ci ritroviamo in emergenza durante l’estate con gli incendi che stanno massacrando il territorio. Pesa poi la mancanza di progettualità per lo sviluppo, così la situazione resta in stallo”. Infine le vertenze cruciali. “Bisogna puntare su uno slancio alla situazione di Termini Imerese con la Blutec e alle zone industriali in crisi come quella di Carini e avviare una vera e propria battaglia per tutelare rilanciare e salvare l’aeroporto di Birgi senza il quale Trapani e il suo territorio non possono crescere”. “Noi abbiamo la responsabilità di essere sempre di più – ha concluso Milazzo – portatori di idee progetti e di sviluppo e di rafforzare il nostro legame con il territorio”. Al centro del consiglio anche i dettagli sull’Ape social e del sistema previdenziale.