Comune di Trabia, sindacati “No a speculazioni elettorali sulla pelle dei precari. Servono atti concreti e non chiacchiere inutili”

Posted on giugno 05, 2020, 10:51 am
3 mins
Stampa questa notizia Stampa questa notizia

 

“I dipendenti comunali di Trabia non saranno ostaggio della politica”. Questo il messaggio chiaro e deciso che Cgil, Cisl e Uil mandano all’amministrazione della cittadina, “che volutamente mantengono uno stato di immobilismo sul futuro di questi lavoratori”. Ieri Cgil, Cisl e Uil si sono riuniti in un’assemblea sit – in per manifestare contro la mancata definizione delle procedure di stabilizzazione. La manifestazione si è svolta all’esterno, perché, “non siamo sicuri delle misure di sicurezza anti-contagio adottate dall’ente”. “Abbiamo denunciato alle autorità competenti – affermano Giovanni Conigliaro (Cgil Fp), Mario Basile (Cisl Fp) e Salvatore Sampino (Uil Fpl) chiedendo un’ispezione per verificare le condizioni di sicurezza per i dipendenti e per i cittadini”. Cgil, Cisl e Uil rimarcano come l’amministrazione mostri di non voler stabilizzare i dipendenti. “Prima di portare il Comune in disequilibrio finanziario, i vertici comunali – rimarcano Conigliaro, Basile e Sampino – avrebbero potuto avviare l’iter senza approvazione da parte del Ministero. Non l’hanno fatto allora e continuano a non farlo oggi, a differenza di quanto è avvenuto negli altri comuni che hanno voluto e saputo stabilizzare. Non crediamo alle buone intenzioni dichiarate dall’Amministrazione alla stampa perché alle parole non sono seguiti i fatti. Servono atti concreti e non altre riunioni per fare chiacchiere inutili”. L’Amministrazione continua a procedere di proroga in proroga di pochi mesi, approvate sempre all’ultimo istante dalle scadenze contrattuali, “tenendo i precari legati ad un filo di speranza – aggiungono Conigliaro, Basile e Sampino – mentre si avvicina la prossima tornata elettorale, ma i lavoratori respingono ogni tentativo di speculazione. Non siamo intenzionati ad aspettare le prossime elezioni per vedere concretizzare le stabilizzazioni. Chi produce atti intenzionalmente discriminanti e chi si prodiga a favorire solo alcuni lavoratori per condurli nell’organizzazione sindacale di appartenenza dovrà rispondere sulla legittimità del suo operato”. Il 30 aprile scorso è stata deliberata una proroga di due mesi fino al 30 giugno con l’impegno a definire le procedure di stabilizzazione di tutti i lavoratori. “A oggi nulla è accaduto – sottolineano Cgil, Cisl e Uil – e abbiamo la sensazione che la stabilizzazione non avverrà per dare una ulteriore proroga con scadenza in prossimità delle elezioni amministrative”. I sindacati confederali propongono all’amministrazione di Trabia di modificare la delibera di proroga a giugno per spostare la scadenza fino a dicembre e di seguire l’iter per l’approvazione ministeriale. “Siamo pronti – affermano Conigliaro, Basile e Sampino – a ogni azione sindacale e legale utili a tutelare i posti di lavoro di tutti precari che da oltre trent’anni prestano la loro attività per garantire i servizi ai cittadini di Trabia”.