Comitato Esecutivo Cisl: l’UE deve fare molto di più per gli investimenti e l’occupazione

Posted on luglio 23, 2013, 5:14 pm
2 mins

Stampa questa notizia Stampa questa notizia


“L’UE deve fare molto di più per gli investimenti e l’occupazione, ma il Governo deve con più determinazione mettere in atto politiche per la crescita, per attivare investimenti e consumi, individuando le risorse necessarie”.

 

“Il Comitato Esecutivo confederale, riunito a Roma il 22 luglio 2013, udita la relazione del Segretario generale Raffaele Bonanni, l’approva con i contributi dell’ampio dibattito.
La crisi economica non dà segni rilevanti di ripresa e le conseguenze sociali diventano sempre più gravi soprattutto per i lavoratori, i giovani, le donne, i pensionati, le persone più deboli e povere, le famiglie, nel Sud più che nelle altre parti dell’Italia. In autunno la situazione potrebbe aggravarsi ulteriormente.

Il Comitato Esecutivo esprime apprezzamento per l’iniziativa intrapresa dal Governo in sede europea sull’occupazione giovanile, acquisendo risorse per 1,5 mld e sulla chiusura della procedura per deficit eccessivo che permette rilevanti margini di spesa per investimenti già nel 2013 e nel 2014, nel rispetto dei vincoli dell’UE.

L’UE deve fare molto di più per gli investimenti e l’occupazione, ma il Governo deve con più determinazione mettere in atto politiche per la crescita, per attivare investimenti e consumi, individuando le risorse necessarie.
Questo Governo può dare efficacia alla sua azione solo alle condizioni indicate dalla manifestazione unitaria di piazza S. Giovanni di fine giugno:
– un grande patto sociale e interistituzionale di responsabilità per condividere analisi, obiettivi, misure di politica economica e sociale;
– la centralità della riforma organica del fisco nella politica economica a favore del lavoro e dei redditi da salario e da pensione, della famiglia, degli incapienti, con un riequilibrio a carico dei grandi patrimoni finanziari e immobiliari, dei consumi di lusso, nonché con un riordino del rapporto con la tassazione locale