Blutec, mercoledì sit in in piazza Indipendenza, “risposte su seconda fase del piano”

Posted on luglio 04, 2016, 4:50 pm
2 mins

Stampa questa notizia Stampa questa notizia
 

Protesteranno mercoledì 6 luglio, dalle ore 9,30 con un sit-in organizzato da Fim Fiom e Uilm a piazza Indipendenza a Palermo, i lavoratori di Blutec. Durante la manifestazione i sindacati chiederanno un incontro al Presidente della Regione Crocetta. “Abbiamo sollecitato un tavolo al Mise e chiediamo alla Regione di unirsi alla nostra richiesta – spiegano Ludovico Guercio segretario Fim Cisl Palermo Trapani e Giovanni Scavuzzo Rsu Fim Cisl – per chiarire a che punto si trova il progetto di Blutec per Termini Imerese, se infatti presto non verrà presentata dall’azienda la fase B per la realizzazione dell’auto ibrida, non sarà rinnovata la cig in deroga, cosi i lavoratori non percepiranno somme almeno fino ad ottobre. Ma ciò che si preoccupa di più, sono questi ritardi , il piano doveva essere illustrato entro giugno, non abbiamo avuto notizia e speriamo in una convocazione del Mise entro il 10 luglio”. A giugno infatti l’azienda avrebbe dovuto avviare già la discussione con i sindacati sulla fase B del progetto che dopo la componentistica dovrebbe portare a Termini l’auto ibrida entro il 2018 con l’assunzione dei restanti 400 operai circa , per la realizzazione di due modelli di vetture elettriche. Nessuna certezza intanto per l’indotto, tutti temi che i sindacati vogliono porre al tavolo della Regione. “Siamo preoccupati per la mancanza di politiche industriali regionali – afferma Daniela De Luca segretario Cisl Palermo Trapani – la Regione deve farsi mediatrice con il Mise e chiedere con forza un tavolo con le parti sociali per sollecitare risposte sulla fase successiva del piano per Termini, sugli ammortizzatori e sull’indotto. Ci auguriamo che il Ministero convochi presto i sindacati e che parta la fase B del progetto per un vero rilancio dell’area industriale di Termini che dia cosi speranze anche all’indotto e ad un intero territorio in sofferenza da troppi anni”.