Artigiani: Cisl “Sicilia fanalino di coda per iscrizioni a Ebas”

Posted on novembre 26, 2013, 5:14 pm
2 mins

Stampa questa notizia Stampa questa notizia


Nell’Isola, su 82 mila imprese iscritte negli albi provinciali delle nove Camere di commercio, solo 3.188 sono regolarmente registrate all’ente creato vent’anni fa da aziende e sindacati per offrire i servizi previsti dal contratto integrativo e dare sostegno al reddito di lavoratori e artigiani, nelle situazioni di particolare difficoltà

 

PALERMO (ITALPRESS) – La Sicilia è fanalino di coda, in Italia, sul fronte degli interventi targati Ebas a favore i lavoratori e imprese artigiane. Nel Centro-nord, invece, le aziende del settore iscritte all’ente creato dalle parti, si attestano tra l’80 e il 90%. E nel Veneto dei distretti delle piccole e medie imprese la situazione è persino esemplare: fa infatti sapere la Cisl Veneto che l’Ebav, l’omologo dell’Ebas siciliano, conta 145 mila adesioni tra i lavoratori e 35 mila tra le aziende, in pratica il 90% del settore. A renderlo noto è Giorgio Tessitore, responsabile per il settore della segreteria siciliana Cisl, che parla di “distanze siderali. Tant’è – dice – che nell’Isola, su 82 mila imprese iscritte negli albi provinciali delle nove Camere di commercio, solo 3.188 sono regolarmente registrate all’ente creato vent’anni fa da aziende e sindacati per offrire i servizi previsti dal contratto integrativo e dare sostegno al reddito di lavoratori e artigiani, nelle situazioni di particolare difficoltà”. “Inoltre, in Sicilia – rende noto la Cisl – delle quasi 3.200 imprese artigiane iscritte all’Ebas, solo 2.522 è in regola con i versamenti: così i lavoratori che risultano coperti dall’adesione all’ente, sono 6.451. Di essi sono dipendenti a tempo pieno in 3.911; assunti a part time, in 2.540. La conseguenza è che se in Sicilia le entrate dell’Ebas sono attorno al mezzo milione, sono 40 volte tanto (20 milioni) quelle dell’istituto che ha sede a Marghera”.