#7maggio Cgil Cisl Uil in piazza, le vertenze di Palermo e Trapani, “è ora di cambiare”

Posted on maggio 05, 2016, 12:56 pm
3 mins
Stampa questa notizia Stampa questa notizia

 

I lavoratori di Almaviva che vivono ore di attesa, le centinaia di disoccupati del settore del commercio, di quello edile, gli operai Blutec e dell’ex indotto Fiat , della Keller, dell’area industriale di Carini, di Fincantieri, della formazione professionale, i forestali, i pensionati , giovani e tanti altri. Saranno alcune delle vertenze calde della città di Palermo che scenderanno in piazza sabato 7 maggio dalle ore 9,30 con il corteo da piazza Marina in occasione della manifestazione regionale organizzata da Cgil Cisl e Uil ‘Sicilia in lotta! Più lavoro. Più sviluppo. Più inclusione’. Il corteo attraverserà la città sino ad arrivare in piazza Indipendenza dove interverranno i lavoratori dei settori in crisi e, per il comizio, i segretari generali di Cgil Sicilia, Michele Pagliaro, Cisl Sicilia, Mimmo Milazzo, e Uil Sicilia, Claudio Barone. Per il territorio di Palermo e provincia prevista la partecipazione di circa 6 mila lavoratori disoccupati e pensionati, una ventina i pullman che partiranno dalla provincia. “Non c’è settore che si salva dalla crisi ed è una condizione così esasperante perché da troppo tempo – spiegano i tre segretari di Cgil Cisl Uil Palermo Enzo Campo, Daniela De Luca e Gianni Borrelli -,mancano vere politiche economiche e sociali di sviluppo e perché le nostre richieste restano inascoltate. Il governo e la politica non sono stati in grado di arginare il crollo economico e sociale dei nostri territori che stanno vivendo, da troppi anni, una vera e propria desertificazione industriale con grosse aziende che hanno abbandonato Palermo o che sono in procinto di farlo. Manderemo un forte segnale al governo Crocetta, è ora di cambiare”. Dalla provincia di Trapani partiranno dodici pullman per un totale di un migliaio di persone. I sindacati manifesteranno per dire al Governo Regionale che è ora di cambiare: servono nuove politiche per la crescita industriale, la stabilizzazione dei precari, il rilancio delle attività produttive, il potenziamento e l’integrazione dei servizi socio-sanitari agli anziani, il welfare e il lavoro ai giovani, lo sblocco degli ammortizzatori sociali.
“Sabato parteciperemo numerosi alla manifestazione regionale – affermano i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Trapani Filippo Cutrona, Daniela De Luca ed Eugenio Tumbarello – per dare un segnale al Governo regionale e alla politica che in questi anni non sono stati in grado di arginare il crollo economico e sociale dei nostri territori, che hanno perso migliaia di occupati in tutti i settori e stanno continuando a ‎subire una progressiva desertificazione produttiva. Questa terra ha bisogno di crescere per uscire dalla crisi e lo sviluppo deve necessariamente passare attraverso le politiche attive del lavoro. E’ arrivato il momento di cambiare”. Gli hashtag ufficiali della manifestazione saranno #7Maggio e #LaSiciliaAffonda.
La locandina
LOCANDINA 7 MAGGIO